Garcia: "Totti? Ho trovato un uomo all'altezza del giocatore. Dobbiamo stare lì se la Juve rallenterà"

21.02.2014 11:10 di Gabriele Chiocchio  Twitter:    Vedi letture
Fonte: football.fr
© foto di Federico Gaetano
Garcia: "Totti? Ho trovato un uomo all'altezza del giocatore. Dobbiamo stare lì se la Juve rallenterà"

In occasione dell'uscita della sua autobiografia, il tecnico della Roma Rudi Garcia ha rilasciato un'intervista a football.fr:

"Non mi piace mettermi in mostra, mi nascondo dietro il collettivo che è il più importante per me. Questo è quello che ricordo sempre ai miei giocatori ed è mia profonda convinzione. Questo libro non ha lo scopo di promuovere me o la mia carriera, ma solo di fare un punto. Ed è stato gratificante vedere che cosa ho fatto nel mio viaggio di uomo, giocatore e allenatore. Ho fatto questo mestiere per vivere emozioni collettive con i miei giocatori in un club. Il riconoscimento è il piacere che posso vivere con gli altri. E sono anche i risultati, perché gli allenatori vengono giudicati su quelli".

Sul suo approccio ai club.
"Ho sempre lavorato nei miei club come ci rimanessi per tutta la mia carriera. Ho sempre lavorato così, non cambierò. Lavoro a Roma come se dovessi finire qui la mia carriera. Poi, non so cosa riserverà il futuro. Ma per ora, il progetto della Roma, che è quello di competere con i più grandi club in Europa, mi si addice. Si inizia con la vittoria in Italia e poi, si spera, con l'essere competitivi in Europa. Non ho un piano di carriera. Non ho mai usato i club in cui mi trovavo in passato come un trampolino di lancio. Non ho mai detto che stavo passando da un club per andare in un altro. Poi, fortuitamente o no, ho trovato progetti che si addicevano al mio progetto personale. Questo è successo a Dijon e a Lille, non avevo motivo di cambiare. Questo libro non è un modo per candidarmi come successore di Didier Deschamps. La Nazionale francese non è un obiettivo a lungo termine".

Sulle sue qualità.
"Ogni volta che partecipo a una gara, io gioco sempre per vincere e finire davanti. Alcuni possono pensare che questo sia un difetto. Per me, è una qualità. E questo rimane il modo migliore per ottenere risultati migliori. Viene dall'esempio di mio padre che è sempre stato combattivo. Sono latino, mediterraneo, amo la competizione. E ancora, penso che essere testardo sia una qualità. Perché ci vuole per restare con i piedi per terra. Anche se sei un grande giocatore (intendo i miei giocatori), deve esserci sempre questo lavoro di squadra, questa tenacia che può permettere di ottenere risultati contro squadre migliori della tua. Quindi, di nuovo, mi piace che la mia squadra sia a mia immagine e abbia un collettivo sopra la media. Anche se separiamo la questione del gioco".

Sul Nantes.
"Allenatori come Arribas, Suaudeau, Denoueix sono la scuola del bel gioco che ha permesso al Nantes di essere uno dei più grandi club francesi per lungo tempo, sono sempre stati un esempio. Poi un allenatore deve adattarsi. Quando arrivo in un club, faccio un inventario delle forze e le qualità individuali dei miei giocatori, che poi permette di scegliere il miglior sistema di gioco per la mia squadra. Perché nel calcio è difficile essere certi, resta un gioco casuale. Quindi dobbiamo essere abbastanza umili rispetto alle nostre certezze. Ma ho anche delle convinzioni. Secondo me giochiamo bene quando giochiamo un calcio incentrato sull'offensiva e abbiamo più possibilità di vincere. Ecco perché la filosofia del gioco è fondamentale. faccio sempre di tutto per portare i miei giocatori su questo progetto e quando mi seguono è davvero una grande soddisfazione".

Sul "Consiglio dei Saggi"
"Il Consiglio degli Saggi è la gestione partecipativa. Mira a capire se i giocatori mi ascoltano e a ottenere conferma, di solito sulla preparazione della partita. Ma decide sempre uno, il Consiglio mi guida. Non è più importante di altre cose, è un fattore tra gli altri che rende una stagione di successo. Ad esempio, questo consiglio non ha ancora lavorato molto a Roma, quindi va tutto bene".

Su Claude Onesta, CT della nazionale francese di pallamano.
"Conosco Claude Onesta attraverso quello che ho letto su di lui o tramite le sue dichiarazioni. Mi piace lo spirito che ha la Francia e la sua squadra di pallamano. Sto ovviamente ammirando i suoi risultati eccezionali con diverse generazioni. Può essere una fonte di ispirazione. Penso che sia molto intelligente per quanto riguarda la comunicazione. Mi sembra un buon leader. Fa parte dei riferimenti che mi piace leggere, mi piace sentire. E a volte mi conforta in quello che faccio e mi dà idee diverse".

Un confronto tra Cruijff e Hazard.
"Cruijff era un po' più snello, leggermente più snello. Eden ha una potenza atletica che gli permette di accelerare, ma è vero che ci sono somiglianze tra i due. Vorrei che Eden avesse  lo stesso successo di questo grande giocatore che era Johan Cruijff. Lui sta andando bene in questo momento, è decisivo. Deve continuare così, gli ho detto. Si tratta di uno dei più importanti giocatori del Chelsea, un club dove può vincere trofei. I grandi giocatori sono giudicati per la loro capacità di far vincere trofei alla loro squadra e Eden è sulla strada giusta da questo punto di vista".

Su Francesco Totti.
"Prima di conoscere Francesco Totti c'era apprensione. Io non sono un tipo calcolatore, sono trasparente e dico quello che penso. Ha apprezzato che io fossi leale con lui. E c'è un buon feeling tra noi. I grandi giocatori sono anche i più semplici, più umili al di fuori. Ho trovato un uomo all'altezza del talento del giocatore. È uno di più grandi giocatori della storia del calcio, nei passaggi di prima intenzione è eccezionale. Ed è un uomo semplice, vuole essere trattato come qualsiasi altro, con il semplice rispetto che dobbiamo. Nessun giocatore ha mai chiesto un trattamento speciale. A volte ci dimentichiamo anche lui deve ridurre il suo programma perché a 37 anni è logico che non si possa essere come un giocatore di 18 anni. Ma ancora una volta, ama il gioco, ama imparare. Se lui continua ad avere questa passione, sarà un piacere averlo con noi".

Sui risultati con la Roma.
"È sempre possibile fare meglio, anche se è vero che siamo partiti a razzo con dieci vittorie in dieci partite. Ma non abbiamo ancora vinto nulla. Siamo ripartiti bene dopo la nostra sconfitta a Torino. Dobbiamo continuare ad essere affamati. Tutto può succedere. Ma noi non abbiamo il nostro destino nei nostri piedi, ce l'ha la Juventus. E se non rallenta, concluderà il campionato con più di 100 punti! Ma l'obiettivo è quello di essere lì in caso non ce la facesse. Vogliamo qualificarci per l'Europa, se possibile  per la Champions League, e ci serve continuità di risultati. E saremo giudicati sulla nostra capacità di raggiungere questo obiettivo, che la Roma non ha ottenuto nelle ultime due stagioni, un'anomalia per un club di questa portata".

GARCIA: "TOTTI? HO TROVATO UN UOMO ALL'ALTEZZA DEL GIOCATORE", FOOTBALL.FR