Garcia: "Mi sarebbe piaciuto avere più credito al mio arrivo. Si parla di titolo dopo quattro partite, non è ragionevole"

04.10.2013 12:04 di Gabriele Chiocchio  Twitter:    vedi letture
Fonte: L'Equipe
Garcia: "Mi sarebbe piaciuto avere più credito al mio arrivo. Si parla di titolo dopo quattro partite, non è ragionevole"
Vocegiallorossa.it
© foto di Image Sport

Il tecnico della Roma  Rudi Garcia ha rilasciato un'intervista al quotidiano francese L'Equipe. Vocegiallorossa.it ne propone di seguito uno stralcio:

Sei partite, sei vittorie: può essere l'inizio di un sogno?
«Ho subito capito che se avessimo fatto un buon inizio di questa stagione, la situazione sarebbe migliorata.. Quando sono arrivato, ho trovato un'atmosfera molto negativa per i giocatori e questo è qualcosa che non mi piaceva. Capisco che i tifosi erano infelici, ma non capisco come si possa essere un tifoso della Roma e insultare i propri giocatori. È iniziata una nuova stagione, mi sarebbe piaciuto avere più credito».

Si sentiva diffidenza verso di voi?
«Nei miei confronti, anche troppa. Anche se non mi interessava molto. La gente aspettava di vedere, penso».

Qual è stata la cosa che l'ha sorpresa di più?
«Sono cose che se non vissute non si possono immaginare. La passione è impressionante. Qui ognuno mangia, dorme e vive di calcio. Anche la copertura mediatica mi ha sorpreso molto. Giornali, stampa e le radio che parlano 24 ore su 24 della Roma, è una cosa pazzesca. Dopo le partite è un vero e proprio viaggio. In Francia ci mettevo 10 minuti per parlare con i media, ora ci metto un'ora. Ci sono Sky, Mediaset, Rai, Radio Rai, Roma Channel e poi la conferenza stampa».

Avendo Francesco Totti, allena un monumento del calcio italiano. Come lo si gestisce tutti i giorni?
«Penso che I più grandi giocatori siano quelli capaci di giocare con grande semplicità sul campo ed essere umili e normali fuori. E Francesco è così. È normale, eppure è una leggenda vivente».

Daniele De Rossi sembra trasformato in questa stagione...
«Sì, mi è stato detto che non è lo stesso giocatore. Il Daniele che gioca con noi da inizio stagione è uno dei più grandi centrocampisti d'Europa. È una persona profondamente umana. Ha mantenuto la parola. Quest'estate si è discusso il suo futuro. È romano, ma c'erano grandi club su di lui e lui era in attesa di valutare. Gli ho detto che non avrei potuto perderlo all'ultimo. E questo è esattamente quello che è successo: dopo il primo match di campionato, il Manchester United lo ha contattato, ma era troppo tardi lui non si è mosso».

I tifosi iniziano a sognare il titolo…
«Ma le favorite sono Juve e Napoli. Qui tutti si accendono rapidamente e si parla titolo dopo quattro partite. Questo non è ragionevole, non si può ingannare la gente. Meglio avere una buona notizia essendo saggi, piuttosto che una cattiva notizia essendo troppo buoni. L'obiettivo rimane di tornare in Europa la prossima stagione».