Udinese-Roma – I duelli del match

13.03.2022 15:00 di Emiliano Tomasini Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Emiliano Tomasini
Udinese-Roma – I duelli del match
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Dopo i sette risultati positivi - nelle altrettante partite di campionato - e la vittoria sul difficile campo del Vitesse, la Roma vuole proseguire il proprio momento positivo contro l’Udinese. Dal canto suo, invece, la squadra di Cioffi proverà a imporsi sui giallorossi, per allontanarsi dalla zona retrocessione.

Come di consueto, Vocegiallorossa.it vi offre i duelli che potrebbero decidere la partita.

MANCINI-DEULOFEU - Contro i friulani si prospetta un’altra partita impegnativa per Mancini. Il vicecapitano della Roma se la vedrà con Deulofeu, giocatore che ha fatto del dribbling il suo credo personale. Lo spagnolo ama svariare per tutto il fronte offensivo, ma prevalentemente partirà da sinistra per poi accentrarsi. Tecnicamente è un giocatore di altissimo di livello, ma spesso nel corso dei 90’ pecca di continuità. Palla al piede sa essere letale, per contenerlo Mancini può far prevalere la sua fisicità. Dovrà però riuscire ad arginarlo senza incorrere nell’ennesima ammonizione della sua stagione.

CRISTANTE-PEREYRA - A proposito di partita impegnativa, non se la passerà particolarmente bene neanche Bryan Cristante. Il numero 4 agirà nella stessa zona di campo del Tucu Pereyra, vero fulcro del gioco di Cioffi. La maggior parte delle azioni dei friulani passano per i suoi piedi e in campo fa da collante tra centrocampo e attacco. Riuscire a limitarlo sarà quindi fondamentale per la Roma, per questo il compito di Cristante è quanto mai centrale. Il classe ‘95 dovrà provare a contenere le iniziative del suo avversario e - allo stesso tempo - a liberarsi dal pressing che subirà.

ZANIOLO-PEREZ - Dopo una partita complicata sull’orribile campo del Vitesse, Zaniolo ha grande voglia di riscatto. Il talento classe ‘99 se la vedrà con Nehuen Perez, giovane difensore di Cioffi, in prestito dall’Atletico Madrid. Perez è abile nell’anticipo e attento tatticamente, ma può soffrire la fisicità e la velocità di Nicolò. L’attaccante di Mourinho potrà quindi certamente sfruttare due delle sue migliori qualità per provare a lasciare il segno sul match, cercando di partire con i tempi giusti alle spalle del suo avversario o facendo prevalere la sua miglior fisicità.