Stanchezza mentale e fisica ma non c'è tempo

16.03.2021 18:00 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
Fonte: L'editoriale di Alessandro Carducci
Stanchezza mentale e fisica ma non c'è tempo

La Roma gira a vuoto e perde meritatamente contro il Parma, complicando la sua corsa alla Champions.
Fonseca e Pau Lopez hanno parlato in coro di mancanza di concentrazione e si è vista tutta questa mancanza, sia nei gol presi e sia nelle occasioni sprecate. Una Roma scialba, poco concreta, con poco mordente, fiacca e stantìa è uscita con zero punti dal Tardini, pagando la gara di Coppa di giovedì contro lo Shakhtar.
Mentre in autunno la squadra giallorossa aveva potuto gestire con serenità l’Europa League, grazie a un girone facile con squadre molto più deboli, adesso le partite sono molto più complicate e contro squadre del livello della Roma. L’impegno, sia fisico e sia soprattutto mentale, è cresciuto esponenzialmente e la squadra è stanca, come ammesso dallo stesso Fonseca nella conferenza alla vigilia della gara contro il Parma.
Il problema è che questo non è il momento migliore per accusare un po’ di sana, e naturale, stanchezza. La Coppa sembra messa in ghiaccio grazie al risultato dell’andata ma in campionato è rissa piena per il quarto posto. Una scazzottata settimanale con almeno altri 4 club, tutti decisi e determinati a entrare nel paradiso europeo. Non c’è tempo per fermarsi a pensare, per fermarsi a recuperare, semplicemente per fermarsi. Non c’è tempo, non c’è la possibilità, non ci sono i punti per farlo. In bocca al lupo al mister, saranno due mesi di fuoco.