Pronti alla grande sfida

13.03.2018 15:33 di Luca d'Alessandro Twitter:   articolo letto 17069 volte
Fonte: L'editoriale di Luca d'Alessandro
Pronti alla grande sfida

Iniziamo dalla fine. Dalla squadra unita a centrocampo, anche chi non ha preso parte al match perché squalificato, a fissare nel tabellone dello Stadio Olimpico le immagini delle imprese stagionali: dal gol di Dzeko a Londra alla vittoria contro il Napoli. Come a voler ricordare alla squadra di cosa sia in grado di fare, quale sia il proprio potenziale, che quella delle imprese può essere, sempre, la vera Roma. Il tutto contornato da quel "Abbiamo bisogno di voi" riferito a tutti i tifosi. Il Toro è appena stato matato, ma l'obiettivo è già la grande sfida di martedì prossimo contro lo Shakhtar. Ribaltare la sconfitta di Charkiv, entrare tra le migliori otto squadre d'Europa e continuare il cammino da outsider. Il 3-0 finale può far stare tranquilli gli uomini di Di Francesco in ottica corsa alla Champions in Serie A (visti i passi falsi di Lazio e Inter), ma è fuorviante per quanto si è visto in campo, soprattutto nel primo tempo. La solita Roma impacciata, con il timore di osare vista ultimamente in casa, si è fatta a tratti schiacciare dal Torino di un indemoniato Iago Falque. Questo il primo monito in vista degli ottavi di Champions: bisognerà stare sul pezzo fin dal riscaldamento, regalare un tempo allo Shakhtar, lo abbiamo visto nella gara di andata, comprometterebbe la qualificazione. Sbloccato il risultato e sbloccatasi mentalmente, non c'è stata partita. Il raddoppio di De Rossi è una di quelle storie toccanti, quasi già scritte, che impreziosiscono la serata. Lui, ore ore passate mercoledì a vegliare sull'amico defunto, in dubbio fino alla fine, trova un gran gol e da capitano, guida la squadra alla vittoria. In una gara da dentro o fuori, non ci sarà possibilità di aspettare chi non ha sfruttato l'ennesima occasione sul campo. El Shaarawy e Schick, potrebbero essere jolly inaspettati del match ma, il faraone su tutti è ben lontano dall'essere il calciatore che con una doppietta al Chelsea ha lanciato la squadra verso la gara contro gli ucraini. Se la gara contro il Torino, con l'incombenza della Champions, poteva essere l'ennesimo trappolone di un campionato altalenante, dopo i 90', con tre punti in tasca, Di Francesco avrà ancora più chiare le idee su come e con chi affrontare la partita più importante della stagione giallorossa. Con i rientri di Fazio, Dzeko e Perotti, sospinta da uno stadio gremito, possiamo dire che la Roma è pronta alla grande sfida.