Niente processi: usare lo Young Boys per rilanciarsi contro il Sassuolo

03.12.2020 17:07 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: L'editoriale di Luca d'Alessandro
Niente processi: usare lo Young Boys per rilanciarsi contro il Sassuolo

Probabilmente la più grande delusione della sconfitta contro il Napoli è stata quella di vedere una partita, sponda Roma, inaspettata. Magari peccando di presunzione di chi aveva visto, negli ultimi 5 mesi, una squadra non perdere una partita sul campo, affrontare cambi di proprietà, situazioni di mercato delineate, poi saltate all'ultimo, poi rientrate, sconfitte a tavolino, positività al Covid-19, un calendario mai così fitto, come nulla fosse, anzi, andando sempre in crescendo. Ci sta lo stop, il risultato e la prestazione meno. L'importante, più un dovere vista la classifica abbastanza corta per la zona Champions, sarà quello di riscattarsi contro il Sassuolo. L'impegno di giovedì può essere sfruttato meglio di quello contro il Cluj: senza trasferta in Romania, una gara poco più di un'amichevole (con un pari la Roma è prima nel girone e sei già qualificato). C'è da far riposare chi ha tirato la carretta finora e chi è stato recuperato in fretta e furia per la gara di Napoli. Poi c'è il processo di riatletizzazione di chi è stato a casa, colpito dal Covid-19, una malattia seria e non, perché si è calciatori meno debilitante. In questo caso Fazio, Kumbulla, sono indietro a Dzeko e Pellegrini, ma tutti e quattro necessitano minuti sulle gambe per ritrovare brillantezza. Una Roma che ha bisogno di risollevarsi in tutti i sensi, troppe e tutte insieme le situazioni che hanno smobilitato un reparto intero come quello difensivo e colpito i punti nevralgici della rosa. Niente processi dunque, soltanto un'attesa da qui fino a domenica, passando per lo Young Boys, di rivedere una squadra rimessa in piedi e pronta a continuare la sua corsa in campionato.