Just do it (fallo e basta)

17.06.2018 19:47 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: L'editoriale di Marta Giroldini
Just do it (fallo e basta)
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Lo scandalo connesso al progetto per il nuovo Stadio della Roma, le vicende legate ad Alisson e Nainggolan. Dopo il periodo degli acquisti di Coric, Marcano e Cristante, questo che stiamo vivendo è il periodo peggiore dell'estate giallorossa. Just(in) do it, fallo e basta. Un mix tra l'ultimo arrivato a Trigoria, Kluivert (che per normali dinamiche di mercato ancora non è ufficialmente un calciatore della Roma) ed il claim della Nike, sponsor tecnico della squadra. Just do it. Inutile star qui a pensare e rimuginare su cose del tipo: "non bisogna vendere Alisson", "non bisogna armare ancora di più l'Inter con Nainggolan". Monchi deve pensare soltanto a rinforzare la squadra. Direte, ovviamente, che cedendo i due la squadra si indebolisce. Lapalissiano. Bisogna considerare e dare fiducia al DS spagnolo. Al netto della questione (chi può rinunciare a 70-80 milioni di euro per un portiere o a 35 per un centrocampista ormai in là con gli anni?), se i due per diversi motivi sono finiti sul mercato, a Trigoria avranno già pronte delle alternative altrettanto valide. Il problema non è vendere, ma comprare bene. Dopo i soliti CR7 e Messi, il calciatore dell'anno è stato Momo Salah, ceduto dalla Roma, e la squadra, orfana del fenomeno egiziano, rimpiazzato da un giovanissimo turco, è arrivata in semifinale di Champions League. C'è anche la questione tempo da non sottovalutare, cedere adesso, in caso, permetterebbe al DS di avere 2 mesi buoni per completare la rosa col tesoro derivato dai trasferimenti. Inutile vivere nel limbo cessione o no, inutile portare per le lunghe le due trattative. Just do it! Poi, se già non sono in standby i rimpiazzi, si rinforzerà ulteriormente la squadra nel corso di un calciomercato, ufficialmente ancora chiuso.