Il gol di Osvaldo un capolavoro di intuizione e coordinazione. Pjanic deve prendere in mano le redini del centrocampo, Nico Lopez già pronto per la Roma

27.08.2012 00:24 di Alessandro Carducci Twitter:    vedi letture
Il gol di Osvaldo un capolavoro di intuizione e coordinazione. Pjanic deve prendere in mano le redini del centrocampo, Nico Lopez già pronto per la Roma
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Al netto delle polemiche arbitrali, è fuori di dubbio che la Roma debba lavorare ancora parecchio per darsi un'identità e per diventare una squadra zemaniana. Contro il Catania, i giallorossi hanno giocato un primo tempo decisamente sotto tono, con poco ritmo e molta poca velocità. Siamo solo all'inizio, le gambe forse non girano come dovrebbero e tatticamente i calciatori devono ancora assimilare il gioco del tecnico boemo. In particolare, a centrocampo Pjanic dovrà partecipare maggiormente alla manovra. Dovrà prendere in mano le redini del gioco e duettare maggiormente con Francesco Totti. Il numero dieci capitolino ha mostrato di avere già un'ottima intesa con Balzaretti ma anche lui oggi è riuscito ad incidere poco. La sua posizione è una delle incognite di quest'anno, in particolare il modo con il quale potrà e dovrà interpretare il ruolo di esterno sinistro. Solo applausi invece per Daniel Osvaldo. L'argentino ha una voglia di vincere mostruosa e, fin dall'inizio, ha cercato in tutti i modi il gol trovandolo con una splendida rovesciata che dovrebbe riconciliare tutti gli sportivi con il calcio. Un capolavoro di intuizione e coordinazione. Non ha invece convinto Erik Lamela. Il giovane talento sudamericano deve essere più concreto mentre ora sembra quasi un corpo estraneo alla squadra. Siamo solo ad inizio anno, è giusto sottolinearlo, ma, al momento, sembra più pronto Nico Lopez. Il 18enne attaccante uruguaiano oggi ha salvato in extremis la Roma, segnando un pregevole gol di sinistro dopo essere entrato in campo da appena cinque minuti. Ora bisogna solo lasciarlo crescere in pace, senza caricarlo di eccessive pressioni, ma l'impressione è che già quest'anno potrà risultare molto utile a Zeman e alla Roma.