Dieci acquisti. Più due

11.07.2018 23:05 di Gabriele Chiocchio Twitter:   articolo letto 31820 volte
Fonte: L'editoriale di Gabriele Chiocchio
Dieci acquisti. Più due

In questi primi giorni di ritiro, oltre che ovviamente agli allenamenti, stiamo assistendo alle conferenze stampa di presentazione dei tanti nuovi acquisti che Monchi ha già portato a casa: dieci giocatori, quasi una squadra intera (non considerando i ruoli, visto che, ad esempio, sono stati acquistati due portieri) messa a disposizione di Eusebio Di Francesco, pronto a ruotare il più ampio numero possibile di elementi, come da mantra (poi rivelatosi efficace) della scorsa stagione. Loro con la Roma esordiranno, altri, invece, in giallorosso hanno già fatto le loro prime apparizioni, incidendo decisamente meno di quanto auspicato nel momento dei loro arrivi. Sperando che non si ripeta con i nuovi di quest’anno, questa è una storia che a Trigoria si è vista diverse volte: basti pensare per esempio a Edin Džeko, autore di appena 10 gol complessivi nella sua prima annata e di ben 39 nella seconda. Ma, tornando indietro, ci sono diversi altri giocatori che hanno fatto vedere il meglio di loro a partire dal secondo anno di militanza: Emerson Palmieri, Erik Lamela, Mirko Vučinić, Philippe Mexes e tanti altri. A loro si dovranno ispirare due su cui la Roma ha puntato tanto - anche a livello economico - e che per ora non sono riusciti a (o non hanno avuto modo di) rispondere con i fatti a questa investitura: Rick Karsdorp e Patrik Schick. Due storie ovviamente molto diverse, ma accomunate da problemi fisici, di natura differente ma entrambi decisivi per far sì che uno abbia giocato meno di novanta minuti e che l’altro ne abbia giocati non troppi di più, il più dei quali piuttosto anonimi. Da loro, prima ancora che dai nuovi arrivi, la Roma vuole ripartire per arricchire il proprio bagaglio tecnico, con le capacità di gestione del pallone e le sovrapposizioni dell’olandese e l’efficacia non solo in zona gol, ma anche nel dialogo con i compagni, del ceco, al di là di un equivoco tattico che andrà risolto in modo più deciso rispetto a quanto accaduto nella scorsa annata. Due possibili ulteriori acquisti - come tanto piace dire - oltre ai dieci già fatti, per una rosa - si spera - ancora più lunga e di qualità.