Cercasi leader

14.07.2019 18:00 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
Fonte: L'editoriale di Alessandro Carducci
Cercasi leader

Le squadre sono fatte da giocatori ma, ancora prima, da uomini. È lo stesso Petrachi ad averlo ricordato in conferenza stampa: “Io scelgo prima gli uomini e poi i calciatori”.
Servono uomini, serve personalità. Quella che è mancata lo scorso anno e che mancherà ancora di più dopo l’addio di De Rossi, il probabile addio di Dzeko e l’eventuale addio di Kolarov. Dovranno emergere nuovi leader (Pellegrini ha raccolto il testimone da Totti) ma ne dovranno anche essere presi altri. Pau Lopez ha personalità da vendere. Mantiene il sangue freddo in qualsiasi situazione e, anzi, a volte è forse fin troppo sicuro di sé.
La Roma sta rinascendo dalle proprie ceneri. Cambia tutto il telaio della squadra: il nuovo portiere è appena arrivato e si attendono ora gli acquisti di un difensore centrale, un centrocampista centrale e un attaccante al posto di Dzeko. La spina dorsale della squadra totalmente rinnovata e, oltre alla tecnica, servirà tanto carattere, tanta esperienza. Si può leggere anche in questa ottica il tentativo per Alderweireld e l’opera di persuasione su Higuain: abbinare ai giovani giocatori di provata esperienza europea.
Quest’anno le nozze andranno fatte con i fichi secchi e ogni mossa ponderata molto bene, sia in entrata che in uscita. Ecco perché, sebbene tutti siano sul mercato, prima di lasciare andare giocatori come Kolarov, Pellegrini e lo stesso Florenzi bisognerà pensarci bene perché la Roma ha già perso molti leader e, di personalità, ne servirà a tonnellate il prossimo anno.