Diamo i numeri - Roma-Inter: la migliore squadra in casa sfida il miglior attacco del campionato

09.01.2021 23:45 di Gabriele Chiocchio Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
Diamo i numeri - Roma-Inter: la migliore squadra in casa sfida il miglior attacco del campionato
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nella diciassettesima giornata di Serie A, la Roma ospita l’Inter allo Stadio Olimpico. I giallorossi si presentano alla sfida al terzo posto in classifica, con 33 punti (34 sul campo) frutto di 35 gol segnati (terzo attacco del campionato) e 21 subiti (formalmente 24, quinta difesa), i nerazzurri sono secondi, con 36 punti arrivati grazie a 41 gol realizzati (migliore attacco del campionato) e 21 incassati, come la Roma.

La Roma è la migliore squadra del campionato per rendimento interno: 20 punti in 8 partite, frutto di 6 vittorie e 2 pareggi. L’Inter, invece, è la seconda squadra per rendimento esterno dietro al Milan: 17 punti in 8 partite, con 5 successi, 2 pareggi e la sconfitta rimediata mercoledì a Marassi contro la Sampdoria.

Sono 174 i precedenti tra le due squadre in Serie A, per un bilancio di 49 vittorie della Roma, 53 pareggi e 72 vittorie dell’Inter; in casa giallorossa si sono giocate 87 partite, con 34 vittorie della Roma, 25 pareggi e 28 vittorie nerazzurre.

Paulo Fonseca ha incontrato l’Inter e Antonio Conte solamente nelle due gare della scorsa stagione, terminate in parità; il tecnico nerazzurro ha nella Roma una delle squadre più affrontate in carriera con 12 precedenti. Il bilancio è in perfetto equilibrio: 4 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte.

Il capocannoniere della sfida è Arturo Vidal, con 4 gol segnati contro la Roma. Edin Džeko e Matias Vecino hanno segnato due gol contro il rispettivo avversario; a 1 ci sono Henrikh Mkhitaryan, Leonardo Spinazzola, Pedro, Lorenzo Pellegrini, Jordan Veretout, Gianluca Mancini, Aleksandar Kolarov (che ha anche segnato un gol all’Inter, con la maglia della Roma), Alexis Sanchez, Romelu Lukaku e Stefan de Vrij.