Cambio Campo - Adamoli: "Mi aspetto che la Roma faccia la partita e il Genoa attenda i giallorossi. Strootman sta dando tantissimo ai rossoblu"

07.03.2021 10:12 di Danilo Budite Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Danilo Budite
Cambio Campo - Adamoli: "Mi aspetto che la Roma faccia la partita e il Genoa attenda i giallorossi. Strootman sta dando tantissimo ai rossoblu"
Vocegiallorossa.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Torna l'appuntamento con "Cambio Campo", la rubrica di Vocegiallorossa.it nella quale, prima di ogni partita della Roma, vi proponiamo un'intervista ad un giornalista che segue la squadra avversaria.

L’ospite di oggi è Gessi Adamoli, giornalista de La Repubblica, con il quale abbiamo parlato di Roma-Genoa.

Che tipo di match si aspetta? Tatticamente come si affronteranno le due squadre?
"Mi aspetto che la Roma faccia la partita, cosa che aiuta il Genoa perché preferisce quando la partita la fanno gli altri. Sarà la Roma che terrà il pallone col Genoa attento in difesa, con la speranza che il possesso della Roma sia sterile. Il Genoa giocherà col suo 3-5-2 collaudato".

Cosa è cambiato nel Genoa dopo l’arrivo di Ballardini?
"Lui è chiamato lo zio, è un vecchio saggio a cui ricorrere nei momenti di difficoltà per trovare equilibrio. Lui ha portato serenità e normalità, il Genoa aveva bisogno di queste caratteristiche. Era una squadra da metà classifica che rendeva pochissimo, quando è arrivato Ballardini la situazione era disperata, per molti la retrocessione era scontata. In realtà dopo la vittoria con lo Spezia prima di Natale è arrivata la svolta, il Genoa ha preso consapevolezza e si è risollevato".

Che scelte di formazione dobbiamo aspettarci dal tecnico rossoblu?
"Ormai Ballardini cambia poco, al massimo un uomo, che spesso è la spalla di Destro, Di solito gioca Shomurodov, ma qualche volta anche Pjaca e Pandev. La formazione è ormai base, non credo ci sia turnover perché l'ha già fatto domenica scorsa con l'Inter, quindi molti non faranno le 3 partite in 7 giorni. L'unica incognita per la formazione riguarda la difesa: Goldaniga non c'è nell'undici tipo ma di solito gioca sempre, anche perché è il difensore più rapido. L'unico dubbio riguarda lui".

Roma-Genoa sarà naturalmente il match di Kevin Strootman: che impatto ha avuto l’olandese sul Genoa?
"Molto positivo. Molti credevano che fosse un giocatore sulla via del tramonto, in realtà oltre che esperienza e tecnica sta dando molto dal punto di vista atletico. Ha sbagliato solo la partita con l'Inter, ma lì tutta la squadra è entrata in campo già sconfitta e lui era in un centrocampo anomalo senza Badelj e Zajc".

Altri due ex romanisti sono rinati con Ballardini: Zappacosta e Destro. Si aspettava questo rendimento da entrambi?
"Da Destro assolutamente no. L'anno scorso aveva fatto un finale di stagione negativo, il rinnovo aveva sorpreso tutti. Ha affrontato la stagione con un nuovo piglio e va dato atto a Maran, tra tanti errori, di averlo recuperato. Zappacosta è un giocatore di qualità superiore e lo dimostra la carriera, i suoi problemi erano fisici, Maran non l'ha mai avuto a disposizione".

Parlando di Roma, come la vede in ottica corsa Champions dall’esterno?
"Ritengo Fonseca un ottimo allenatore, fa giocare bene la squadra, La Roma sta rendendo al massimo per le sue possibilità, il fatto che non arrivino risultati con le grandi è un caso, prima o poi arriverà. Fonseca sta facendo un buon lavoro soprattutto in prospettiva e sarebbe un delitto se non potesse portare avanti questo progetto".