Cambio Campo - Aravecchia: "Eusebio Di Francesco rappresenta la storia del Sassuolo. Mi aspetto una gara equilibrata tra due squadre che prediligono il bel gioco"

26.12.2018 15:35 di Simone Valdarchi   vedi letture
Fonte: Intervista a cura di Simone Valdarchi
Cambio Campo - Aravecchia: "Eusebio Di Francesco rappresenta la storia del Sassuolo. Mi aspetto una gara equilibrata tra due squadre che prediligono il bel gioco"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Torna l'appuntamento con "Cambio Campo", la rubrica di Vocegiallorossa.it nella quale, prima di ogni partita della Roma, vi proponiamo un'intervista ad un giornalista che segue la squadra avversaria.

L'ospite di oggi è Stefano Aravecchia, giornalista de La Gazzetta di Modena, con il quale abbiamo parlato di Roma-Sassuolo.

Il Sassuolo rappresenta una delle rivelazioni di questo campionato, dove può arrivare?
"La società ad inizio stagione si è fissata l'obiettivo di arrivare nella parte sinistra della classifica, con il sogno di qualificarsi per l'Europa League. I risultati di questo girone d'andata, in effetti, sono in linea con questo. Vedremo se i neroverdi saranno in grado di mantenere questo ritmo fino al termine del campionato".

Il gioco di De Zerbi è apprezzato in tutta Italia e non solo, su cosa si basa?
"L'idea di gioco di De Zerbi è allo stesso tempo semplice e geniale. Lui è uno degli allievi di Guardiola e del suo modo di pensare il calcio: ritmo alto, tanto possesso palla e una fitta rete di passaggi. Quando la squadra è in condizione regala gol, spettacolo e punti. Ad inizio stagione con Boateng falso nueve la squadra girava perfettamente, adesso effettivamente sta facendo un po' di fatica".

Si parla di un interessamento del Barcellona per De Zerbi, quanto c'è di vero? Partirà a fine stagione?
"Va detto che alcuni emissari del Barcellona guardano spesso le partite del Sassuolo per visionare Marlon (di proprietà del Barcellona ed in prestito ai neroverdi, ndr) e hanno avuto modo di osservare il gioco proposto dal tecnico. Al momento non c'è nulla di concreto, ma sono certo che questo è un allenatore destinato a fare il salto di qualità".

Oggi si sfideranno i due Di Francesco: Eusebio contro Federico. Che ricordo ha lasciato il padre a Sassuolo e che prospettiva prevede per il figlio?
"Partendo da Federico: ci si attendeva di più da lui. Era partito bene, ma ora il suo rendimento sta calando. Di sicuro è un giocatore di qualità, sta a De Zerbi tirargliele fuori, vedremo se ci riuscirà. Per quanto riguarda l'allenatore, rappresenta semplicemente la storia del Sassuolo. Quello che ha fatto sulla panchina neroverde rimarrà per sempre nei cuori dei tifosi".

Roma-Sassuolo, che partita si aspetta? Chi, al livello individuale, potrebbe deciderla?
"Sarà una gara equilibrata, con il Sassuolo che fuori casa fornisce sempre ottime prestazioni e la Roma che, per sua natura, ama giocare rischiando anche di scoprirsi. Per quanto riguarda i singoli: tutti i giocatori della Roma hanno le qualità per decidere una partita. Nel Sassuolo penso a Berardi che sta vivendo un ottimo periodo di forma".