Udinese, Cioffi: "La Roma è una squadra di altissimo livello, si stanno adattando all'inerzia delle partite"

12.03.2022 20:12 di Andrea Gonini   vedi letture
Udinese, Cioffi: "La Roma è una squadra di altissimo livello, si stanno adattando all'inerzia delle partite"
Vocegiallorossa.it
© foto di DANIELE MASCOLO

Alla vigilia del match contro la Roma, ha parlato il tecnico dell'Udinese Gabriele Cioffi ai microfoni di Udinese Tv. Di seguito le sue parole:

Contro la Samp una bella vittoria che ha migliorato e di tanto la classifica, vi mette questo nella condizione ideale, anche in termini di entusiasmo, per affrontare una big come la Roma?
"È stato un colpo di pedale importante quello contro la Sampdoria. Sappiamo, però, che la salita è molto lunga e gli inseguitori sono vicini, così come, al tempo stesso, è vicino il traguardo. Ci concentriamo, quindi, sull'oggi".

La Roma ha giocato giovedì sera in Europa, Mourinho ha fatto si delle rotazioni ma questo può rappresentare un piccolo vantaggio?
"Se gioca Pellegrini o Veretout, per fare un esempio, vuol dire che le rotazioni per la Roma sono relative. Si parla di un top club con campioni fatti e finiti o in divenire. Il livello loro è altissimo, pertanto il focus non va messo sulle rotazioni, bensì su una squadra che si è saputa sporcare le mani, adattare e soffrire in base all'avversario. Questa - penso - sia una chiave della partita, poiché se affronteremo giocatori di livello in grado di adattarsi, vuol dire che avremo dinanzi una grande squadra che ci troverà pronti".

Che tipo di partita si aspetta e che squadra è la Roma? Sono passati anche loro alla difesa a 3 e sembrano aver trovato solidità dietro ed anche più libertà davanti per Zaniolo ed Abraham, sono loro i principali pericoli?
"Ci aspettiamo una grande squadra con potenziale, idee chiare e principi di gioco che vanno oltre i moduli. Non concedono gol da tre partite e sono migliorati tantissimo nella fase di possesso al di là dell'ultima partita (contro il Vitesse) che non fa testo. Si stanno adattando all'inerzia delle partite, una chiave di lettura propria delle grandi squadre".

Dovrà fare a meno di Walace che è sempre stato l’uomo imprescindibile per gli equilibri della squadra, cosa comporta la sua assenza per squalifica? Ha già pensato alla soluzione per sostituirlo con le varie opzioni a disposizione come, ad esempio, Jajalo e Arslan?
"Walace è un giocatore importantissimo per noi. Sarà sostituito da un altro giocatore altrettanto importante. Sono stati menzionati Jajalo e Arslan: in base alla partita decideremo chi dei due avrà le caratteristiche adatte per contrastare la Roma".

In questa settimana ha ritrovato Nuytinck che si è allenato sempre in gruppo, come sta?
"Bram sta bene. È un giocatore molto importante. Il suo rientro è stato molto gradito e voluto, lui ha un'importanza incredibile all'interno dello spogliatoio".

L’ultima è sul confronto anche personale con Mourinho, è emozionato di affrontare per la prima volta in carriera un tecnico tra i più vincenti ed anche uno dei personaggi più affascinanti del mondo del calcio?
"Dico solo che ho un dibattito interno in famiglia. Mio fratello verrà a vedere la partita quasi solo per vedermi stringere la mano a Mourinho (ride ndr). Scherzi a parte, sarà sicuramente un momento importante e gratificante. Si tratta di un allenatore che ho studiato. Un personaggio affascinante che è tra i più vincenti allenatori al mondo insieme a Guardiola, Ancelotti e Zidane. Vincere non è mai facile e, soprattutto, farlo reiteratamente nel tempo. Per noi, quindi, sarà uno stimolo in più per fare una grande partita".