Sassuolo, Morini "Eusebio è un accentratore, attento a tutti i dettagli"

16.05.2018 12:10 di Emiliano D'Ambrosio  articolo letto 4304 volte
© foto di Federico De Luca
Sassuolo, Morini "Eusebio è un accentratore, attento a tutti i dettagli"

Remo Morini, team manager del Sassuolo, ha rilasciato un'intervista a Il Romanista, raccontando i suoi 5 anni passati al fianco dell'allenatore Eusebio Di Francesco quando quest'ultimo era seduto sulla panchina del Sassuolo. Di seguito uno stralcio dell'intervista:

Difetti di Eusebio?
«Vabbè, è un rompicog... Quando mangia per esempio sottolinea sempre gli ingredienti di ogni alimento... Ma è una ottima forchetta. Va matto per i tortelli, ma anche la carne e i dolci... Il tiramisù, soprattutto».

E da allenatore?
«È un accentratore, attento anche ai minimi dettagli. Controlla tutto, ma fa bene. Impossibile volergli male».

Quel momento triste vissuto nei giorni dell'esonero poi rientrato dopo poche settimane:
«Fu un trauma per tutti, il dottor Squinzi volle dare una scossa ad una squadra che sembrava bloccata. L'ultimo giorno a Sassuolo venne a casa mia con la moglie, pranzammo e poi alle 15 partì e andò via, commosso».

La promozione in A è il ricordo al quale Remo è più legato:
«Il Livorno lottò con noi fino all'ultimo minuto, nelle partite precedenti perdemmo diverse possibilità favorevoli, sembrava una maledizione. Poi arrivò quel gol, fu una gioia intensa. Ma fu bellissima anche la corsa in Europa League, battere l'Athletic Bilbao fu un'impresa forse superiore a quella fatta con la Roma col Barcellona...».