Lazio-Roma - I duelli del match

04.12.2016 11:00 di Yuri Dell'Aquila Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Yuri Dell'Aquila
Lazio-Roma - I duelli del match
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Roma seconda a quota 29 punti, in coabitazione con il Milan, Lazio che segue a ruota con un punto di svantaggio; questa la cornice del derby romano numero 145, pieno di contenuti ma vuoto sugli spalti, quantomeno nei settori di fede giallorossa, che vedrà la squadra di Spalletti orfana solo del lungodegente Florenzi e di Salah, con la prima convocazione ufficiale per Mario Rui.

VoceGiallorossa.it, come di consueto, vi offre i duelli che decideranno il match.

MANOLAS-DE VRIJ - Entrambi reduci da guai fisici, i due totem difensivi saranno regolarmente al proprio posto per la gara più sentita della stagione: l'olandese non scende in campo dallo scorso 16 ottobre, infortunatosi nel corso della sfida con il Bologna, ma anche senza di lui i biancocelesti sono riusciti a trovare compattezza allungando da 3 a 9 la striscia di imbattibilità in campionato, mantenendo però la porta inviolata solo lo scorso turno a Palermo. Il difensore greco ha invece smaltito l'affaticamento muscolare che l'ha costretto a saltare la gara interna con il Pescara, e dalle sue chiusure dipenderanno le sorti della squadra giallorossa, che in trasferta ha concluso senza subire reti solo il match di Empoli.

NAINGGOLAN-BIGLIA - Adeguamento tattico pronto per Mister Spalletti, che chiederà al belga ex Cagliari di partire qualche metro indietro rispetto al solito, per impedire a Lucas Biglia di creare gioco liberamente. Il centrocampista argentino, se lasciato nelle condizioni di ragionare, ha il piede necessario per creare pericoli alla retorguardia giallorossa, grazie alle sue doti nell'allargare il gioco sugli esterni o premiare gli scatti centrali di Immobile, al Ninja dunque il compito di mordere le caviglie del rivale in fase di non possesso per poi gettarsi nella porzione di campo alle sue spalle con i giallorossi in possesso del pallone, sfruttando la non eccelsa capacità di coperture dell'ex centrocampista dell'Anderlecht.

DZEKO-IMMOBILE - Scontro tra bomber allo Stadio Olimpico, con il capocannoniere delle Serie A che si troverà coinvolto in uno scontro a distanza con il quarto marcatore in questa speciale classifica, a secco da tre partite dopo un filotto di cinque gare consecutive a segno (con due doppiette), al primo derby capitolino in carriera ma che alla Roma ha già segnato nella prima parentesi con la maglia del Torino. Da quel gol, due anni poco fruttuosi in giro tra Dortmund, Siviglia e nuovamente Torino che sembravano aver spento la fame del gol del centravanti lanciato nel calcio che conta da Zeman nell'annata vittoriosa in Serie B con il Pescara, prima dell'approdo nella Capitale che ha risvegliato l'estro sopito del classe '90, a caccia della doppia cifra. Questo traguardo è stato invece già ampiamente raggiunto dal bomber bosniaco, che non vuole più fermarsi continuando a trascinare i colori giallorossi, con la speranza che possa continuare il trend dello scorso anno, quando nonostante una stagione con pochissimi alti, riuscì ad andare a segno sia nella stracittadina di andata (su rigore) che in quella di ritorno.