I DUELLI - Lazio-Roma, la chiave è a centrocampo. Tattiche speculari, ma strategie differenti

16.10.2011 15:30 di Alessio Milone   vedi letture
I DUELLI - Lazio-Roma, la chiave è a centrocampo. Tattiche speculari, ma strategie differenti
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Sarà grande sfida, questa sera, allo stadio Olimpico. Lazio e Roma si daranno battaglia per decidere chi, per sei mesi circa, dovrà sedersi sul trono dell'Urbe. Si tratta di un match, questo, che secondo molti si deciderà a centrocampo: Reja sembra aver deciso di puntare su una linea a tre più un trequartista; stessa soluzione per Luis Enrique, anche se la modalità di gioco giallorossa sarà differente da quella biancoceleste.

Qui Lazio - Saranno Gonzales, Ledesma e Brocchi, a meno di stravolgimenti dell'ultimo minuto, i tre designati dal tecnico ex Napoli a comporre il terzetto di centrocampo laziale. L'idea di gioco di Reja è, dunque, quella di pungere la Roma facendo forza sul dinamismo di una zona mediana brava a muoversi molto senza palla, a insediarsi in avanti e a provare la conclusione dalla distanza. A questi tre, ovviamente, va aggiunta la pericolosità di Hernanes che agirà alle spalle del duo Klose-Cissé: il brasiliano, trascinatore dei biancocelesti già dalla passata stagione, sarà chiamato a fare la differenza, collegando i reparti e accendendo la luce in fase offensiva.

Qui Roma - Luis Enrique sembra avere soltanto un dubbio: chi schierare tra Pizarro e Simplicio. Per adesso, il favorito resta il cileno, con De Rossi e Perrotta che completeranno il reparto. Ovviamente, la tattica del tecnico asturiano è chiara: fare possesso palla, tenere in mano il pallino del gioco, sfiancare gli avversari con scambi rapidi, precisi, geometrici. Creare, dunque, la solita fitta rete di passaggi, utile ad aprire varchi in avanti e a consentire al tridente d'attacco di incidere. Dei tre di centrocampo, De Rossi sarà quello a cui verrà chiesto di coprire un po' di più; Perrotta sarà invece il motorino della mediana. Ovviamente, qualcosa cambierà a seconda se giocherà Pizarro o Simplicio: con il primo, è più semplice riuscire a puntare sul possesso, dato che è il classico giocatore che ama giocare palla al piede; con il secondo, invece, ci sarebbe meno tecnica in campo ma un po' più di quantità. Ancora poche ore, comunque, e anche questo dubbio verrà sciolto.