Dzeko-Juventus, i precedenti: la prima volta non si scorda mai, aspettiamo la seconda

22.12.2018 10:47 di Simone Valdarchi   vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Simone Valdarchi
Dzeko-Juventus, i precedenti: la prima volta non si scorda mai, aspettiamo la seconda
Vocegiallorossa.it
© foto di Insidefoto/Image Sport

Dopo essere tornata alla vittoria contro il Genoa, la Roma di Eusebio Di Francesco si prepara ad affrontare la trasferta più insidiosa del campionato: Torino, sponda bianconera. Il tecnico abruzzese potrebbe far affidamento su alcuni giocatori rientranti, tra questi c'è Edin Dzeko che ieri si è allenato in parte con il gruppo e punta ad essere protagonista in campo domani sera. Il numero 9 nella sua carriera ha sfidato cinque volte la Juventus, tutte quante con la maglia giallorossa. Il bilancio dei precedenti, come quello della squadra d'altronde, non è molto positivo: tre sconfitte, un pareggio ed una vittoria. Vediamo nel dettaglio come sono andate le gare.

La vittoria: Roma-Juventus 2-1, il 30 agosto 2015. In un caldo pomeriggio romano, lo Stadio Olimpico si esalta e sogna grazie ad una vittoria made in Bosnia. Roma in vantaggio con un gioiello di Pjanic, che indossava ancora la maglia giusta, raddoppio firmato Edin Dzeko. Il centravanti, dopo solo tre settimane dal suo arrivo a Fiumicino, svetta in area di rigore, sovrasta Chiellini, batte Buffon e si va a prendere tutto l'amore della Curva Sud. Niente male come primo gol con la Roma. Nel finale Dybala accorcia le distanze e Szczesny, anche lui come Pjanic ancora romanista, salva il risultato con un miracolo su Bonucci.

Il pareggio: Roma-Juventus 0-0, il 13 maggio 2018. L'ultimo confronto tra le due squadre, non di certo una partita memorabile. Un pareggio facilmente pronosticabile viste le premesse: ai bianconeri serve un punto per laurearsi campioni d'Italia per il settimo anno consecutivo, mentre gli uomini di Di Francesco sono quasi certi del terzo posto in classifica. I padroni di casa provano ugualmente ad onorare la gara, con uno stadio pieno pronto a salutare la squadra che ha fatto sognare la città arrivando in semi-finale di Champions League, ma l'espulsione di Nainggolan a metà secondo tempo, convince i giallorossi ad accontentarsi del segno X senza rischiare inutilmente di perdere.

Le sconfitte: si tratta di tre Juventus-Roma di fila, nelle stagioni 2015/16, 2016/17 e 2017/18, terminate tutte con il risultato di 1-0 in favore della vecchia signora. La prima delle tre porta la firma di Dybala, il primo Juve-Roma dello Spalletti 2.0. Una Roma che non riesce ad impensierire in avanti e resiste difensivamente fino a quando, a un quarto d'ora dalla fine, l'attaccante argentino da dentro l'area trova un diagonale vincente. Nella stagione successiva, il tecnico di Certaldo inserisce a sorpresa Gerson esterno alto ma non c'è nulla da fare, la retroguardia juventina è impenetrabile, grazie anche ad un po' di fortuna. Higuain al quattordicesimo compie una prodezza che basta agli uomini di Allegri per prendersi i tre punti. La terza è la gara d'andata dello scorso campionato giocata, come quella di domani, nel turno prenatalizio, il 23 dicembre 2017. L'ex Benatia segna sugli sviluppi di un calcio d'angolo, con la complicità della difesa giallorossa poco reattiva in quell'occasione. Le due compagini si affrontano a viso aperto, collezionando occasioni da rete. La più grande è quella che capita quasi allo scadere sui piedi di Schick, ma l'attaccante ceco a tu per tu con Szczesny gli calcia addosso.

Riassumendo, le sfide tra l'attaccante di Sarajevo e la Juventus erano iniziate nel migliore dei modi. Negli scontri successivi però, pur fornendo sempre delle buone prestazioni, non è mai riuscito ad essere incisivo. La speranza per Di Francesco è che possa tornare al più presto, magari già da domani, a far esplodere di gioia il settore romanista.

Prossima partita: Juventus-Roma, sabato 22 dicembre ore 20:30
Probabile formazione (4-2-3-1): Olsen; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nzonzi, Cristante; Ünder, Zaniolo, Kluivert; Schick.
Ballottaggi:  Florenzi/Santon, Schick/Dzeko.
In dubbio: De Rossi, Lorenzo Pellegrini, Dzeko, El Shaarawy, Coric.
Squalificati: - 
Indisponibili: -