De Rossi e l’amore eterno per la Roma raccontato con un gesto semplice

14.02.2024 22:55 di Emiliano Tomasini Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Emiliano Tomasini
De Rossi e l’amore eterno per la Roma raccontato con un gesto semplice
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

“La Roma la amo troppo, viene dopo mia figlia.  Non è ruffianeria. Quando segno non posso fare le orecchie alla Toni, non ci riesco. Mi viene da baciarla la Roma”. Questa frase, pronunciata da Daniele De Rossi a marzo 2010, racconta meglio di qualsiasi storia o aneddoto quanto l’attuale allenatore giallorosso ami la Roma. E quale giorno migliore di ricordarlo se non oggi che è San Valentino?

L'AMORE DEI TIFOSI - D’altronde, quella tra De Rossi e la Roma è una storia d’amore a tutti gli effetti e come tale va raccontata e celebrata nel giorno degli innamorati. Già, perché forse nessun giocatore della Roma (a parte Totti) è stato innamorato di questi colori quanto De Rossi. Con la sua grinta, i suoi gesti e la sua passione, l’ex numero 16 ha sempre mostrato il suo amore per la Roma. Non a caso, dai tifosi romanisti è sempre stato visto come un “tifoso in campo”: «Con la mentalità di un ultras in campo, Daniele De Rossi il nostro vanto!» scrisse infatti la Curva Sud per omaggiarlo».

"RINGRAZIO SEMPRE DI ESSERE ROMANISTA" - Proprio come la Curva ha dedicato parole d’amore per De Rossi, anche l’ex capitano ha più volte dichiarato il suo amore per la Roma. Una delle sue frasi più celebri è sicuramente quella pronunciata dopo la storica rimonta contro il Barcellona. Commentando un tweet di un tifoso che scriveva: “È in notti così che guardi il cielo e pensi: grazie di avermi fatto nascere della Roma”, De Rossi ha dichiarato: “Se posso permettermi, non so chi sia questo signore e non ce l’ho con lui, ma noi dobbiamo ringraziare di essere romanisti anche dopo i 7-1, anche dopo aver perso in casa contro il Napoli giocando male… io ringrazio sempre di essere nato romanista. Quindi ricordiamocelo quando le cose andranno peggio”.

UN UNICO RIMPIANTO - Un’altra frase rimasta storica ed esemplificativa l’ha pronunciata ancora prima, nel 2009: “Ho solo un unico rimpianto, quello di poter donare alla Roma una sola carriera”. Un rimpianto che meno di un mese fa è svanito, quando De Rossi è diventato il nuovo allenatore della Roma e iniziando quindi ufficialmente la sua seconda carriera in giallorosso.

UN GESTO D'AMORE - E proprio da allenatore sono arrivate le ultime, in ordine di tempo, dichiarazioni d’amore di De Rossi: “Ho una grande passione, voglio fare questo lavoro. Un po' per caso, mi sono trovato nel posto dove vorrei fare l'allenatore per tutta la vita”. Ad oggi, è difficile sapere quanto DDR resterà sulla panchina della Roma, ma una cosa è certa: il suo amore per la Roma è autentico ed è lo stesso di quando, da ragazzo, baciava lo stemma giallorosso dopo un gol. Un gesto semplice ma mai banale, come ogni bacio tra innamorati.

L'AMORE CHE UNISCE - Se l'amore tra De Rossi e la Roma è unico nel suo genere, non significa che non ci siano altre storie d'amore meritevoli di essere raccontate. Totti, Conti, Giannini, Di Bartolomei sono chiaramente gli esempi più noti, ma anche tanti giocatori non nati a Roma si sono poi innamorati dei colori giallorossi. Su tutti Giacomo Losi, scomparso di recente, e che per il suo amore per la Roma è stato soprannominato Core de Roma. In tempi a noi più vicini, anche giocatori stranieri, come Aldair, Candela e Nainggolan, hanno creato un rapporto speciale con il club e i tifosi romanisti. A dimostrazione di come l'amore per la Roma possa unire tutti, anche chi non nasce con il cuore giallorosso. 

Prossima partita: Feyenoord-Roma, giovedì 15 febbraio ore 18:45
Probabile formazione (4-3-2-1)
: Rui Patricio; Karsdorp, Mancini, Llorente, Spinazzola; Cristante, Paredes, Pellegrini; Dybala, El Shaarawy; Lukaku.
A disp.: Svilar, Boer, Celik, Ndicka, Smalling, Angelino, Bove, Renato Sanches, Pisilli, Aouar, Zalewski, Azmoun, Joao Costa.
All. Daniele De Rossi
Ballottaggi: Spinazzola/Angelino, Cristante/Bove, Paredes/Bove.
In dubbio: Cristante (problema alla schiena).
Diffidati: Cristante, Bove.
Squalificati: -
Infortunati: Abraham (rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro), Kristensen (non inserito in Lista UEFA), Huijsen (non inserito in Lista UEFA).