Cagliari-Roma - I duelli del match

01.03.2020 11:55 di Gabriele Chiocchio Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
Cagliari-Roma - I duelli del match
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

In un turno decisamente anomalo visti i tanti rinvii, la Roma è di scena a Cagliari a meno di 72 ore dalla trasferta contro il Gent in Europa League.

Come di consueto, Vocegiallorossa.it offre ai suoi lettori i duelli che potrebbero decidere la sfida.

FAZIO-SIMEONE - Con la squalifica di Gianluca Mancini, sarà Federico Fazio a prendere posto accanto a Smalling sulla linea difensiva della Roma. Il numero 20, dopo un lungo periodo di naftalina, sta cercando di garantire maggiore affidabilità col suo senso di posizione e la sua fisicità, che assicurano più ordine al reparto rispetto al numero 23. In un duello tutto argentino, sarà Giovanni Simeone a provare a metterlo in difficoltà, col suo grande lavoro senza palla e cercando di migliorare il suo già discreto score, che vede già 4 gol segnati contro la Roma.

VERETOUT-NAINGGOLAN - Lo scorso anno, il primo senza Radja Nainggolan in rosa, aveva visto un centrocampo della Roma forse troppo compassato e poco dinamico: per ovviare a questa falla i giallorossi hanno acquistato (ormai a titolo definitivo) Jordan Veretout, che sta disputando una discreta stagione, seppur non al livello del miglior Ninja visto da queste parti. L’ex numero 4 ha già giocato due volte da ex contro la Roma, una con l’Inter e una contro il Cagliari, non riuscendo a colpire: da lui potrebbe ripartire il tentativo di rilancio degli isolani, che non vincono da 10 partite.

KALINIC-PISACANE - Un girone fa la storia di Nikola Kalinic con la maglia della Roma poteva cambiare: è ancora misterioso il motivo per cui Davide Massa annullò il gol del 2-1 contro il Cagliari, dopo una presunta (che più presunta non si può) spinta fallosa su Fabio Pisacane. Vedere convalidato quel gol, oltre ad aver dato due punti preziosissimi alla Roma, magari avrebbe sbloccato l’attaccante croato, che invece è ancora a quota zero e non segna da più di un anno. Oggi torna titolare e ritroverà proprio Pisacane come principale avversario: chissà che questo non rappresenti una motivazione extra.