Vulpis: "Per la vendita della Roma ancora fase interlocutoria, molto fumo e poca sostanza"

14.10.2010 22:01 di Redazione Vocegiallorossa   vedi letture
Fonte: Radio Power Station
Paolo Fiorentino, Unicredit
Vocegiallorossa.it
Paolo Fiorentino, Unicredit
© foto di Alberto Fornasari

Oggi ai microfoni di RomaCaffè, programma radiofonico di RadioPowerStation 100.5, è intervenuto Marcel Vulpis, direttore di sporteconomy.it.


Parliamo un po' di quello che si sta vivendo in questi giorni fuori dal campo, ma all'interno delle aule, degli uffici di Unicredit.

"In questi ultimi giorni ho visto troppe notizie che escono a rullo sui giornali, vedo molto fumo e ancora poca sostanza, non c'è ancora un'offerta vera e propria, siamo ancora in una fase interlocutoria e la situazione interna di Unicredit, a livello aziendale, non aiuta".

La poltrona saltata di Profumo si pensava non avesse creato problemi.

"La cessione ci sarà, ma c'è un stato un rallentamento. L'amministratore delegato è andato via a ventiquattro ore dalla crescita del peso dei libici all'interno del capitale Unicredit, quindi credo che qualche problemino ci sia stato se Profumo, che ha operato per quattordici anni, decide di andarsene in ventiquattro ore firmando anche per la risoluzione contrattuale e la buona uscita di quaranta milioni di euro. Ci sarà una rivoluzione epocale, Ghizzoni è un altro tipo di manager rispetto a Profumo, ci sarà restaurazione bancaria".

Sawiris invece è uscito allo scoperto, prendendo tutti in contropiede, è reale questo interesse?

"Quello che sarebbe interessante capire è quando questa offerta sarebbe stata fatta, l'aspetto temporale dell'offerta e se è stata fatta precedentemente all'iter per la cessione del club. Sawiris ci sarà comunque e alla fine vedremo in che mani finirà la società giallorossa".

Marcel cerchiamo di fare un po' chiarezza, tutti vogliono la Roma ma nessuno se la prende. Quella di Sawiris è stata la classica manifestazione di interesse, oppure un'offerta vera e concreta?

"Ho letto virgolettati di ogni tipo su Sawiris ma l'aspetto davvero interessante è quando è stata fatta questa offerta. L'aspetto della temporalità di questa offerta cambia di molto il peso della stessa. Sarebbe interessante capire anche se si è parlato di interesse o di offerta vincolante perchè io non ho letto nulla riguardo questo. È bene capire di cosa stiamo parlando, perchè fino a un mese fa chiunque poteva fare una manifestazione di interesse a Rothschild che, ripeto, è ben diversa da un'offerta vincolante. Può anche darsi che ci sia stato un incontro colloquiale tra le parti. Se davvero c'è stata questa offerta vincolante, mi stupisce che Sawiris l'abbia fatta senza conoscere la situazione finanziaria della società. Si è esposto solo perchè Wind è lo sponsor della Roma? Sarebbe un approccio molto singolare".


Sawiris comprerà la Roma? Che percentuali possiamo darci ad oggi?

"Leggendo testualmente le sue dichiarazioni, il magnate lascia una porta aperta. C'è un processo di vendita in atto dunque inviterei Sawiris a prendere parte a quel gruppo di potenziali investitori interessati all'acquisto della Roma. Se la vuole comprare davvero, deve mettere in moto la macchina organizzativa perchè non può pensare che sia la banca ad andarlo a cercare".

Marcel, come giudichi il comportamento di Unicredit?

"Unicredit è rimasta basita per le dichiarazioni dell'egiziano, evidentemente non se l'aspettava. Sia chiaro, non si può comprare oggi l'As Roma senza far riferimento al percorso di vendita che ha tutta una serie di step previsti da Rothschild".

Non si rischia cosi di fare il gioco di Unicredit?

"L'asta di fatto c'è perchè ci sono più soggetti interessati alla Roma ma questo fa parte del libero mercato".

Ma nel momento in cui arriva un'offerta valida, perchè la Roma non viene venduta?

"Perchè al momento non c'è stata ancora nessuna offerta, diciamolo!"

Tutto ruota tutto intorno allo stadio?

Secondo me lo stadio può essere la chiave di volta per portare le parti interessate a fare importanti passi in avanti. E' molto importante il ruolo delle istituzioni locali purchè facciano capire agli operatori interessati all'acquisto del club quali sono le tempistiche per la realizzazione dello stadio. Un impianto di proprietà ha un ruolo centrale, soprattutto nel calcio del futuro."

Una veloce panoramica sul riavvicinamento di Angelini e del Fondo Clessidra, ed infine tutte le strade portano ad Angelucci?

"Non ho elementi per poter dare una valutazione".