Tommasi: "La cessione di Nainggolan fa parte del gioco: bisogna tifare la maglia. C'è da fidarsi di Monchi"

24.06.2018 10:40 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Tommasi: "La cessione di Nainggolan fa parte del gioco: bisogna tifare la maglia. C'è da fidarsi di Monchi"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

L'ex romanista, ora presidente dell'AIC, Damiano Tommasi, ha rilasciato un'intervista a Il Romanista.

Sulla cessione di Nainggolan.
"Non conosco la situazione singola e non conosco di chi è stata la volontà di questa cessione. Fa parte del gioco del calcio. Il movimento di calciatori, in squadre che competono ad altissimo livello, è normale. Lo sappiamo bene, in Italia e a Roma, che le eccezioni sono quelli che non cambiano casacca. La cessione di Nainggolan rientra in una dinamica simile ad altre cessioni. Per quanto riguarda i tifosi dico che quello che non viene ceduta è la maglia e per quella bisogna continuare a tifare. Non conosco nello specifico il perché di questa cessione e la storia di Radja alla Roma. Certo sorprende il fatto che non sia al mondiale e che i tecnici della nazionale abbiamo fatto una scelta di questo tipo. L'Inter ha preso un giocatore che ha un grandissimo valore tecnico, al di fuori del campo non conosco le dinamiche ed è difficile commentare. Sicuramente il calciatore non è che si accende in campo e si spegne fuori, il calciatore è  un professionista che viene valutato ventiquattro ore al giorno".

Su Monchi.
"Monchi ha dimostrato in passato e non solo alla Roma, di conoscere il calcio e di conoscere le dinamiche sportive, al di là degli investimenti sull'età dei calciatori che vengono presi. Credo che c'è da fidarsi e sperare che si possa ripetere per la Roma quanto successo l'anno scorso con una partenza in sordina e un finale a sorpresa, che è stato meritato".