Spezia, Italiano: "Per il Parma ogni gara una finale"

27.02.2021 04:00 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
© foto di ANSA

(ANSA) - GENOVA, 26 FEB - Una vittoria avrebbe un peso specifico enorme nel percorso verso la salvezza, ma guai a definire quella di domani una partita da 'ultima spiaggia'. Il tecnico dello Spezia, Vincenzo Italiano, carica i suoi in vista dell'anticipo di sabato pomeriggio al Picco contro il Parma. "Lo Spezia deve scendere in campo per fare prestazione, perché se non fai quella i risultati non arrivano. Quando siamo concentrati siamo capaci di grandi cose. Non pensiamo a nulla, non esistono ultime spiagge ma solo gare che dobbiamo cercare di vincere, affrontandole con il piglio giusto. È sicuramente una gara importante, ma mancano ancora 15 partite e i punti a disposizione sono ancora tanti" dice il tecnico siciliano, che si attende un Parma "che ha necessità di allontanarsi da quella posizione: per loro ogni partita è veramente una finale da giocare col coltello tra i denti, ma dobbiamo farlo anche noi perché siamo in lotta". Una sfida, quella salvezza con i Ducali, cui lo Spezia arriva dopo una settimana "senza pressioni. Non penso che sia una partita da preparare con pressione, ma semplicemente l'abbiamo preparata come le altre. Dobbiamo essere più bravi della partita di Firenze, dove nel secondo tempo non siamo stati all'altezza della situazione - dice Italiano -. Dobbiamo pensare che tutte le squadre sono di livello superiore al nostro, e dobbiamo affrontarle col timore di non essere all'altezza della situazione: se facciamo così possiamo mettere in difficoltà l'avversario". Col Parma, torna a disposizione dopo oltre 40 giorni a causa di un infortunio alla caviglia anche il bomber Nzola, e Italiano che potrà contare così su tutto il parco attaccanti. "In questo momento era importante recuperarli tutti. Agudelo centravanti è stata una bella scoperta, ma ben venga il recupero dei giocatori: tutti devono farsi trovare pronti e dare il massimo quando vengono chiamati in causa. Siamo in tanti, dobbiamo remare tutti dalla stessa parte e cercare di essere il più professionali possibili" afferma l'allenatore. (ANSA).