Romani: "Scudetto più sofferto degli ultimi quattro"

17.05.2010 16:17 di Massimo De Caridi   vedi letture
Fonte: Adnkronos
Romani:  "Scudetto più sofferto degli ultimi quattro"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico De Luca

“Sono stato in piedi davanti alla tv tutti i 90 minuti della partita di Siena, lo scudetto più sudato degli ultimi quattro”. A dirlo è Paolo Romani, vice-ministro allo Sviluppo economico con delega alle comunicazioni, che commenta così, da tifoso nerazzurro, la vittoria del 18esimo titolo dell'Inter. “Il Siena non ha mollato nulla ed alcuni giocatori, avendo un passato giallorosso, erano molto accaniti, sicuramente è stata partita molto vera che fa onore al calcio”. «Da interista è uno scudetto in più del Milan. Berlusconi? Lo sa che siamo interisti...e siamo a due campionati dalla doppia stellina”, aggiunge Romani a “La politica nel pallone” su Gr Parlamento, soddisfatto del cammino dei nerazzurri in Champions League, in attesa della finale di sabato. “Se il Barcellona ha vinto il campionato spagnolo vuol dire che abbiamo battuto i campioni di Spagna, i campioni d'Inghilterra e speriamo di battere i campioni di Germania. Sabato alle 8,30 prendo un aereo per Madrid. Mi metterò la maglietta di Cambiasso già in aereo. Vado con mio figlio, il costo del biglietto e del viaggio non è indifferente, ma è la prima finale di Coppa dei Campioni che vedo personalmente, è una grande emozione. Penso, comunque, sia una partita in discesa. Del resto è andata bene in campionato e in Coppa Italia, i ragazzi non sono tesi, anche se una finale ha sempre tanti imprevisti e il Bayern è molto forte, ma sono ottimista”. Romani fa poi i complimenti al tecnico Mourinho ed al presidente Moratti. “Mourinho ha detto che con il calcio italiano non si sente a suo agio, ma è libero di dire quello che pensa. Per noi sarebbe perdita straordinaria se decidesse di andare a Madrid, ma l'ho visto così commosso che mi fa ben sperare. Moratti? Si merita tutto quello che ha fatto in questi anni, la famiglia è una istituzione a Milano per l'Inter”.