Lino Banfi: "Sono romanista grazie a un'Amatriciana"

25.12.2018 09:35 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Lino Banfi: "Sono romanista grazie a un'Amatriciana"

Lino Banfi, noto attore e tifoso della Roma, ha parlato ai microfoni di Centro Suono Sport. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Com'è nata la tua passione per la Roma?
"Posso dire di essere diventato romanista grazie ad una… Amatriciana! Tanti anni fa, appena arrivato a Roma, mi dedicavo spesso ad accompagnare allo stadio i portatori di handicap. Per primo mi capitò un tifoso laziale poco socievole che rifiutava persino alcune tappe di avvicinamento di rito, come la piacevolissima sosta al Bar del Tennis per fare uno spuntino prima della partita, per me essenziale a quei tempi, visto che ero campione di Salto del Pasto. Una volta toccò a un tifoso romanista, più godereccio. Fu proprio lui a volersi fermare per un gustosissimo piatto di Amatriciana. Da quel giorno la Roma mi fu più simpatica. Poi nacque l’amicizia con Paulo Roberto Falcão, con Toninho Cerezo, e con tanti altri giocatori giallorossi.

Mettendoti nei panni di Oronzo Canà, qual è il tuo “collega” della Roma che hai apprezzato di più?
“Certamente non Spalletti, per come ha trattato Francesco Totti nella sua ultima stagione da calciatore. Devo dire che tra tutti i calciatori che hanno recitato una parte nei miei film, quello che ha un innato senso della battuta”.

Desideri fare gli auguri a una persona in particolare?
“Ad Eusebio Di Francesco, perché ha bisogno di coraggio, e se lo merita davvero”.