Caso Cassano, le reazioni degli addetti ai lavori. Intanto Antonio rischia l'esclusione dalla Nazionale

30.10.2010 14:40 di Mauro Bacigalupi   vedi letture
Fonte: Ansa/Adnkronos
Caso Cassano, le reazioni degli addetti ai lavori. Intanto Antonio rischia l'esclusione dalla Nazionale
Vocegiallorossa.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

La rottura tra la Sampdoria e Antonio Cassano ha generato diverse sensazioni nel mondo del calcio, ecco i primi commenti degli addetti ai lavori. Nel frattempo circolano indiscrezioni dal Club Italia che riferiscono di un esclusione di Cassano dalla Nazionale di Cesare Prandelli nel momento in cui il Collegio Arbitrale prenda provvedimenti contro il talento di Bari vecchia.

Claudio Pasqualin (Procuratore)

"Chiedere la rescissione totale del contratto sarebbe un suicidio per la Samp. E comunque è un'ipotesi irreale, il collegio arbitrale sentirà le ragioni del giocatore». «Per quanto grave sia stata la vicenda - spiega Pasqualin - non vedo come si possa chiedere un provvedimento del genere: è decisamente eccessivo per un'infrazione disciplinare di questa natura. Esistono sanzioni graduali, che vanno dalla multa alla riduzione degli emolumenti. L'ipotesi per me non esiste: è come chiedere l'ergastolo per chi ha dato uno schiaffo...»

Walter Mazzarri (Allenatore Napoli)

«Mi dispiace per quello che è successo. È un episodio del quale non entro in merito. Per quanto riguarda il mio rapporto personale con Cassano, mi piace sottolineare che quando io ero alla Sampdoria lo facemmo tornare in Italia riportandolo ad alti livelli».  «Nel periodo in cui io ed il mio staff siamo stati lì ci sono stati solo piccoli screzi che abbiamo risolto all'interno. Con me è sempre stato titolare e mai in discussione. Dopo la vittoria di Genova contro la Sampdoria è venuto a farci i complimenti»

Sinisa Mihajlovic (Allenatore Fiorentina)

«Cassano alla Fiorentina? Io non parlo di mercato, ma dico che Cassano è un grande giocatore che può fare la differenza ovunque. Il giocatore non si discute. Ho detto che mi è sempre piaciuto, è migliorato anche di testa, poi vedo certe cose...».

Walter Novellino (Ex allenatore Sampdoria)

"Antonio Cassano chiederà scusa pubblicamente per quello che ha fatto, perchè Garrone non se lo merita». «Mi è dispiaciuto molto quello che è accaduto tra Cassano e Garrone, Antonio per me è un giocatore formidabile, ma al di là di questo il presidente Garrone rimane una delle persone migliori che ho incontrato nella mia carriera e a lui e alla Sampdoria sono molto legato. La famiglia Garrone e tutta la società hanno uno stile ed una educazione impeccabile e quello che è successo mi dispiace davvero molto. Sono convinto che nella notte, magari consigliato dal sonno, Cassano penserà di chiedere scusa pubblicamente per quello che ha fatto perchè Garrone non se lo merita».

Francesco Flachi (Calciatore)

"Garrone è una persona squisita, ma al di là di questo stiamo parlando di una persona di 80 anni e quindi ci vuole sempre un certo tipo di rispetto. Non conosco i dettagli della vicenda, ho solo letto qualcosa. Certo è che mi dispiace davvero molto che sia successo tutto questo. Non si può mancare di rispetto ad una persona di 80 anni, che sia Garrone o no».

Aurelio De Laurentis (Presidente Napoli)

«Cassano? È un problema della Samp». «Le necessità della mia squadra -dice- le detta il mio allenatore, noi compriamo sulla base di uno schema di gioco. Mazzarri ha bisogno di non far giocare la squadra per un solo giocatore ma per tutti i 24 componenti» della rosa. Noi il dieci lo abbiamo tolto dalle maglie per rispetto nei confronti di Diego. Per ora questo numero è libero -conclude De Laurentiis- ma prima o poi lo assegneremo, nel Napoli potrebbero indossarlo in tanti. Non credo proprio che andrà a Cassano».