Creare spazio sulla trequarti

19.08.2022 14:02 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Creare spazio sulla trequarti
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Nuovo appuntamento con i podcast di VoceGialloRossa.it: ogni giorno, dal lunedì al venerdì, approfondiremo con le voci dei nostri redattori uno dei temi più importanti della giornata.

L’impressione è che se Mourinho riuscirà a toccare le corde giuste e a miscelare bene gli ingredienti allora potrà essere una stagione molto interessante. La Roma ha vinto 1-0 con la Salernitana ma avrebbe potuto segnare almeno 4 gol in più.
I giallorossi possono esibire qualità, muscoli, testa e centimetri con i Fab Four, Pellegrini, Zaniolo, Dybala e Abraham, ai quali bisognerà capire come integrare Wijnaldum. O sacrificando uno dei quattro o passando, magari a partita in corso, a un arrembante 4-2-3-1 con l’olandese a centrocampo, Pellegrini trequartista, Dybala a destra pronto ad accentarsi e Zaniolo a sinistra pronto a partire palla al piede e ad attaccare la profondità. Senza dimenticare Abraham, rimasto nelle retrovie finora ma semplicemente bisognoso di tempo per entrare in forma. Un attacco assortito molto bene, senza giocatori che si pestano i piedi ma, anzi, con calciatori con caratteristiche così diverse da fondersi perfettamente in un’orchestra che suona in maniera armoniosa.

ATTACCARE LA ZONA DI RIFINITURA - I giallorossi, nelle amichevoli estive e nella gara contro la Salernitana, hanno dimostrato che quando riescono a creare spazio nella zona di rifinitura, nella trequarti campo offensiva, diventano micidiali. L’obiettivo sembra essere quello di spostare e muovere i calciatori e la palla affinché si crei uno spazio aggredibile proprio sulla trequarti in modo da far scattare la trappola, lo scambio rapido nello stretto tra Pellegrini, Zaniolo, Dybala e Abraham. Un vortice in cui la palla entra ed esce, si nasconde per poi riapparire con un uomo giallorosso pronto a calciare in porta.
In attesa di capire se José Mourinho potrà contare anche sul Gallo Belotti, per un attacco pazzesco.