Roma-Atalanta 1-1 - La gara sui social: "11 contro 11 è stato un massacro. Cristante gioca con grande appartenenza"

23.04.2021 21:45 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Roma-Atalanta 1-1 - La gara sui social: "11 contro 11 è stato un massacro. Cristante gioca con grande appartenenza"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

La Roma di Fonseca esce indenne dallo stadio Olimpico nella sfida contro l'Atalanta, per un 1-1 che accontenta decisamente i padroni di casa per quanto visto in campo. Gli orobici, infatti, dominano la partita e, dopo il vantaggio di Malinovskyi nel primo tempo, sfiorano a più riprese il raddoppio, fermati sia da Pau Lopez che da clamorosi errori sotto porta (su tutti quello di Muriel). A metà ripresa, la svolta del match con l'ingenua (e giusta) espulsione comminata a Gosens, che rianima la Roma che trova il punto del pareggio con una bella conclusione da fuori area dell'ex Cristante. Nel finale, assalto dei capitolini che non porta frutti, con Ibanez espulso negli istanti conclusivi per doppia ammonizione. Al termine della partita, il popolo giallorosso, attraverso i più noti social network, ha commentato l’esito dell’incontro. Questa rubrica di Vocegiallorossa.it propone ai nostri lettori i pensieri a caldo dei tifosi capitolini.

Se da una parte i supporters romanisti possono tirare un sospiro di sollievo per il risultato, dall'altra non possono esultare più di tanto perché comunque la Roma resta sempre più ancorata al settimo posto che, attualmente, vale un posto nella prima edizione della Conference League.

Alessio analizza

seguito da SangueOro

e da Francesco 

Gabriele prosegue 

con Alex che aggiunge 

e Mandrita che auspica un ritorno a centrocampo di Cristante 

Danilo sostiene 

con Mario che guarda con cauto ottimismo alla sfida contro il Manchester United 

mentre Le Due Comari critica Dzeko 

al contrario di Davide che spende elogi per Cristante 

così come un altro tifoso suo omonimo 

Infine, Valerio scrive 

con chiosa di Pino