"Lazio-Roma non è mai stata giocata"

17.01.2021 16:50 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: L'editoriale di Luca d'Alessandro
"Lazio-Roma non è mai stata giocata"

"Lazio-Roma non è mai stata giocata". Un po' come Roma-Liverpool per Chicco Lazzaretti, protagonista della serie tv di fine anni '80: "I ragazzi della terza C". Sul campo finisce 3-0, una partita in cui la squadra di Fonseca ha faticato, essendo pericolosa un paio di volte, con l'occasione più ghiotta (sbagliata) a gara ormai terminata. Va via così il derby, che di derby ha avuto il culmine fuori da Trigoria, con l'abbraccio dei tifosi alla squadra. Non è bastato a trasmettere la carica giusta a Dzeko & Co., perché alla fine in campo vanno i calciatori. Non si è vista neanche l'aggressività, l'unica cosa che, a detta di Fonseca, in un derby non poteva mancare. È la prestazione a far male, più del risultato. Vedere Lazzari maramaldeggiare sulla fascia destra in versione Freddy Krueger per Ibanez (disastroso). Vedere duettare Luis Alberto-Immobile con una passività della fase difensiva giallorossa vista poche volte, come se non ci fosse modo per arginare i due. Il primo tempo finisce 2-0 con il secondo gol tranquillamente rivedibile (e magari da annullare) con l'ausilio del VAR. Qui subentra la seconda fase. Spesso si è parlato dei cali nel secondo tempo, dopo però 45' buoni, a volte eccellenti. Invece in una situazione abbastanza netta dal punto di vista tecnico-tattico, l'unica soluzione è stata mantenere lo stesso assetto, levando Veretout (alla seconda sostituzione consecutiva) per intasare la trequarti offensiva con Pedro e levare interdizione in mediana, arretrando Pellegrini. Solo la terza rete della Lazio smuove, almeno nelle intenzioni Fonseca che prova un cambio modulo. Un po' come chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati o il derby è stato già perso. Continua anche la maledizione contro le big (basta prendere la classifica attuale e la Roma non ha vinto contro le prime 9 della classifica). Tutti ingredienti per dimenticare la serata, anche se spesso dimenticare non è la soluzione per migliorare