Roma-Genoa 3-3 - Da Zero a Dieci - Dzeko fa Dzeko, déjà vu Olimpico e i due esordi a partita in corso

26.08.2019 21:00 di Gabriele Chiocchio Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
© foto di www.imagephotoagency.it
Roma-Genoa 3-3 - Da Zero a Dieci - Dzeko fa Dzeko, déjà vu Olimpico e i due esordi a partita in corso

0 - Nessun nuovo acquisto tra i 10 giocatori di movimento schierati da Fonseca dal primo minuto. Niente che possa essere oggettivamente negativo di per se stesso, ma segno di un mercato che non ha portato nessun calciatore di livello evidentemente e immediatamente diverso rispetto a quelli già a disposizione.

1 - Primo gol in campionato e primo in casa per Edin Džeko, che sfata subito il tabù dello scorso anno, quando la prima rete all’Olimpico arrivò contro l’Udinese, il 13 aprile.

2 - Due gli esordienti tra i subentrati: Mancini entra per Jesus e da una sua mancata marcatura nasce il gol del 3-3, Zappacosta sostiuisce Florenzi e manca il pallone del 4-3 a porta vuota da due passi. Poteva andare meglio, doveva andare meglio.

3 - Tre marcatori diversi - Ünder, Džeko e Kolarov -, tre tra i (pochi, al momento) in grado di indirizzare la partita con una giocata, tre sui quali la Roma conterà individualmente per coprire le proprie falle a livello di collettivo. Come accaduto già nella prima giornata.

4 - È alla quarta stagione con la maglia della Roma Federico Fazio: poteva essere l’ultima designata, prima del rinnovo firmato fino al 2021. Iniziata con un errore abbastanza grave sull’azione che porta al calcio di rigore realizzato poi da Domenico Criscito: non il miglior viatico per riscattarsi dopo l’annata negativa conclusa tre mesi fa.

5 - Così come è alla quarta stagione romanista Juan Jesus, che da tre indossa la maglia numero 5: due dei tre gol sono sul suo groppone, due su due se si conta quelli incassati con lui in campo.

6 - Sei gol, tre per parte, nella prima allo Stadio Olimpico. Un déjà vu: era successa la stessa cosa lo scorso anno, seppure con una sequenza di gol diversa.

7 - Il derby dista 7 giorni dal fischio finale di Roma-Genoa. Una stracittadina che arriva evidentemente troppo presto: oltre ai problemi da risolvere da lui stesso ammessi, Paulo Fonseca dovrà fronteggiare la pressione di un match da giocarsi ampiamente da sfavorito. E, almeno questo, non sembra essere un male.

8 - Sei tiri e due passaggi chiave, totale 8, il bottino portato a casa da Edin Džeko, evidentemente il migliore della Roma per produzione offensiva. Una partita da Džeko, quello vero.

9 - Da 34 a 99, due volte 9, Justin Kluivert: il piglio è certamente diverso, la resa ancora abbastanza fumosa. Da rivedere, finalmente, nel suo ruolo. 

10 - Da 10 lo spettacolo di luci prima della partita, con la prima del nuovo impianto installato in previsione di Euro 2020. L’Olimpico, al momento, sembra però essere l’unica cosa migliorata rispetto al recente passato.