Una risorsa a sorpresa di nome Çetin

29.10.2019 22:55 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Una risorsa a sorpresa di nome Çetin

La vittoria conseguita contro il Milan ha lasciato diverse note positive in casa Roma: da Smalling sempre più leader della difesa, passando per Mancini riscopertosi mediano di centrocampo con buoni risultati, senza dimenticare la conferma di Zaniolo e il solito Dzeko, in rete di testa alla (in tutti i sensi) “faccia” della mascherina che deve indossare per proteggersi dalla frattura allo zigomo subita contro la Sampdoria.

Una sorpresa, invece, è stato l’ingresso in campo a circa 15’ dalla fine di Mert Çetin, difensore turco classe ’97 acquistato in estate da Petrachi e, fino a domenica pomeriggio, oggetto misterioso della squadra giallorossa. Il 16 agosto scorso, infatti, il connazionale di Ünder è stato ufficializzato dalla Roma, prelevato per 3 milioni di euro dal Gençlerbirligi.

Con in rosa Smalling, Fazio, Jesus e Mancini, per il centrale turco si ipotizzava una cessione in prestito per giocare con continuità, dal momento che nelle gerarchie egli è, almeno sulla carta, il quinto centrale a disposizione di Fonseca. Tuttavia, il tecnico portoghese ha deciso di inserirlo al posto di Spinazzola nei minuti finali della sfida contro il Milan, dirottandolo sulla fascia destra. Nonostante il poco tempo a disposizione, Çetin ha destato una buona impressione soprattutto dal punto di vista dell’aggressività.

Nel post gara, inoltre, è arrivato l’elogio pubblico da parte di Fonseca: “Çetin è un bravissimo giocatore, è un centrale di difesa e non fa il terzino, ma può comunque ricoprire quel ruolo. Con il tempo giocherà di più”. Come ammesso dal mister, dunque, il difensore classe ’97 sembra destinato a entrare di diritto nelle rotazioni, un’ottima notizia per la squadra che potrà godere di un cambio in più e, ovviamente, anche per lo stesso Çetin, ormai pienamente recuperato e a disposizione dopo la rimozione del molare del 24 settembre che lo aveva ulteriormente fatto sparire dai radar capitolini.

Con un calendario fitto d’impegni (si torna in campo già domani sera a Udine e poi sabato alle 15 con il Napoli) Çetin si candida a dare una mano alla Roma: abbastanza improbabile vederlo titolare ma anche a gara in corso può dare il suo apporto come fatto contro il Milan.

Prossima partita: Udinese-Roma, mercoledì 30 ottobre ore 21
Probabile formazione (4-3-3): Pau Lopez; Florenzi, Smalling, Fazio, Kolarov; Mancini, Veretout; Zaniolo, Pastore, Kluivert; Dzeko.
Ballottaggi: Florenzi/Spinazzola, Pastore/Perotti.
In dubbio: Ünder (lesione bicipite femorale).
Indisponibili: Mkhitaryan (lesione tendinea all'adduttore), Pellegrini (frattura del quinto metatarso), Diawara (lesione del menisco mediale del ginocchio sinistro), Zappacosta (rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro), Cristante (distacco del tendine dell'adduttore destro), Kalinic (frattura della testa del perone).
Diffidati: -
Squalificati: -