La nuova arma della Roma: le punizioni di Pellegrini

13.01.2022 18:45 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
La nuova arma della Roma: le punizioni di Pellegrini
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Come spesso accade nel calcio, basta un episodio per indirizzare una partita oppure per cambiare opinione in merito alla prestazione di un singolo giocatore.

L’ultimo esempio in tal senso è Lorenzo Pellegrini, tra i migliori in campo contro la Juventus, ma che ha “macchiato” quanto di buono fatto con l’errore dal dischetto che avrebbe portato i suoi sul 4-4 e con altri 7’ più recupero da sfruttare con l’uomo in più per l’espulsione di de Ligt.

Il capitano, comunque, ha già dimostrato, al rientro dopo l’infortunio, quanto sia una pedina fondamentale per Mourinho. Con il Milan, infatti, da un suo tiro è nato il gol di Abraham, mentre con la Juventus ha servito un assist e ha portato momentaneamente la Roma sul 3-1 con una perfetta esecuzione su calcio di punizione.

Ecco, proprio quest’ultimo aspetto potrebbe rivelarsi un’arma per il prosieguo della stagione. Nel recente passato, l’ultimo specialista in tal senso è stato Aleksandar Kolarov, che più di una volta ha tolto le “castagne dal fuoco” con il suo sinistro su punizione.

Ancor prima, impossibile non citare Miralem Pjanic, già noto per le sue doti ai tempi del Lione e confermate anche con la Roma e in parte con la Juventus, “bloccato” dall’arrivo di Cristiano Ronaldo.

Non ci siamo ovviamente dimenticati di Francesco Totti, l’eterno capitano che poteva calciare una punizione in diverse maniere, dal tiro a giro sotto l’incrocio alla botta potente rasoterra o di esterno. A seguire, poi, possiamo citare John Aarne Riise con il suo sinistro, oppure Chivu nella sua prima stagione con la Roma o gli “scudettati” Assunçao e Batistuta.

Pellegrini potrebbe essere sulla strada giusta per diventare il nuovo specialista delle punizioni in casa Roma. In questa stagione è a quota 2 gol, l’ultima realizzata domenica e la prima proprio nel match d’andata contro il Cagliari, decisiva per il 2-1 finale alla “Unipol Domus”. A queste 2 marcature, aggiungiamo anche la prima assoluta nella passata edizione dell’Europa League in trasferta contro l’Ajax, con l’evidentissima complicità del portiere Scherpen.

Curiosamente, Mourinho potrebbe ritrovarsi addirittura due specialisti in un colpo solo. Infatti, anche l’ultimo arrivato Sergio Oliveira non se la cava proprio male (chiedere alla Juventus e proprio a Szczesny) ma di una cosa siamo certi: la prossima punizione sarà ancora di Pellegrini, arma in più di questa Roma in tali situazioni.

Prossima partita: Roma-Cagliari, domenica 16 gennaio ore 18:00
Probabile formazione (4-2-3-1): Rui Patricio; Maitland-Niles, Mancini, Kumbulla, Vina; Oliveira, Veretout; Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan; Abraham.
Ballottaggi: -
In dubbio: Karsdorp, Smalling.
Diffidati: -
Squalificati: Cristante, Ibanez.
Indisponibili: Spinazzola (rottura del tendine d’Achille sinistro), Diawara (Coppa d'Africa), Darboe (Coppa d'Africa).