L'avversario - La compattezza del Siviglia e i suoi pochi punti deboli

06.08.2020 17:05 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
L'avversario - La compattezza del Siviglia e i suoi pochi punti deboli

Sarà il Siviglia di Julen Lopetegui ad affrontare la Roma questa sera alle 18:55 negli ottavi di finale di Europa League.

PUNTI DI FORZA – La squadra andalusa schiera un 4-3-3 molto compatto e subisce pochissime reti. Tenta di recuperare subito il pallone andando in pressing sugli avversari. In fase difensiva schiera addirittura una linea a 5, con una centrocampista (spesso Fernando) che si abbassa tra i due centrali, mettendosi con un 5-3-2 o 5-4-1. In fase di costruzione, un centrocampista si abbassa sempre tra i due centrali con i terzini entrambi molto alti in una sorta di 3-4-3. Il Siviglia palleggia molto bene a centrocampo, cercando spesso il cambio di gioco (ad opera di Banega il più delle volte) per sorprendere l’avversario sul lato debole. I due esterni offensivi si posizionano spesso nei corridoi (come fanno gli esterni di Fonseca) per poter lasciare lo spazio ai terzini che, come già accennato, spingono entrambi.

PUNTI DEBOLI – Il Siviglia cerca sempre di uscire palla al piede, anche se pressato. Una buona pressione potrebbe quindi indurre in errore i giocatori andalusi o, al limite, costringerli a lanciare lungo, mossa non prediletta da Lopetegui e con i giallorossi bravi nei duelli aerei. Formando spesso una linea a 5 in fase difensiva, il Siviglia rischia di lasciare degli spazi davanti all’area di rigore, che la Roma dovrà essere brava a sfruttare. I giallorossi potrebbero inoltre mettere in difficoltà il Siviglia anche sulle palle da fermo.

GIOCATORI CHIAVE – Ever Banega è la mente del centrocampo spagnolo. Fa viaggiare la palla velocemente e con estrema precisione con i suoi cambi di gioco efficaci. Le gare, come si suole dire, si decidono a centrocampo e tra i giocatori chiave mettiamo quindi anche Fernando, uomo fondamentale nell’assetto difensivo andaluso. È lui l’uomo che si abbassa tra i due centrali di difesa e che aiuta a proteggere la linea difensiva spagnola. Occhio anche ai terzini, Jesus Navas e Reguilón, molto abili a sovrapporsi sulle fasce e nei corridoi.

La probabile formazione del Siviglia
Siviglia (4-3-3): Vaclik; Navas, Koundé, Carlos, Reguilon; Banega, Fernando, Joan Jordan; Ocampos, De Jong, Munir