Gara a due facce: Totti illumina, finalmente Lamela c'è, Destro un po' in ombra

17.09.2012 14:30 di Emanuele Melfi Twitter:    vedi letture
Gara a due facce: Totti illumina, finalmente Lamela c'è, Destro un po' in ombra
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Per l'attacco giallorosso quella di ieri è stata una partita a due facce. Se nel primo tempo, con un Totti stellare, il tridente è riuscito ad asfaltare la difesa del Bologna, non si può dire altrettanto della ripresa, dove un po' per il ritorno dei rossoblù di Pioli e un po' per la stanchezza, la squadra non è riuscita a sviluppare le trame di gioco come avrebbe voluto. L'ingresso di Nico Lopez a '22 dal termine non ha portato benefici sperati.

Da sottolineare una buona prestazione di Lamela che, oltre il gol, è riuscito a non rimanere fuori dal gioco come capitato nella trasferta di San Siro. Nell'azione del gol c'è tutto quello che Zeman chiede all'argentino: partire molto largo per poi accentrarsi cercando il tiro a rete. Stessa cosa si può dire per Capitan Totti, il migliore in assoluto, che ha cercato prepotentemente il gol per tutta la gara; proprio da un suo splendido tiro è arrivato il primo gol firmato da Florenzi. Un po' in ombra Destro che comunque sembra migliorare di partita in partita nell'intesa con i due compagni di reparto. L'ex Siena ha cercato molto la profondità e sia Lamela che Totti lo hanno messo più volte in condizione di punire i rossoblù, ma un po' di sfortuna si è messa in mezzo tra lui e il gol. Da evidenziare come i due esterni d'attacco indietreggiassero fino alla linea del centrocampo per pressare i centrocampisti di Pioli.

Con il Bologna alla costante ricerca del pareggio, nella ripresa non è stato facile trovare spazio. Totti si è limitato, per larghi tratti del secondo tempo, ad infastidire i centrocampisti rossoblù nonostante sia riuscito ad andare vicino al gol per due volte - entrambe di testa - che sarebbero valsi la vittoria. Dopo le tante critiche ricevute, Lamela esce finalmente tra gli applausi dell'Olimpico ma Nico Lopez, in una situazione di assoluta confusione, non riesce a dare l'accelerata giusta come nella gara d'esordio contro il Catania.