Lazio, Inzaghi: "C'è il rischio che qualcuno pensi già al derby, ma dobbiamo concentrarci sul Palermo"

26.11.2016 16:47 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Fonte: lalaziosiamonoi.it
Lazio, Inzaghi: "C'è il rischio che qualcuno pensi già al derby, ma dobbiamo concentrarci sul Palermo"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Nella conferenza stampa della vigilia del match contro il Palermo, il tecnico della Lazio Simone Inzaghi ha parlato anche del derby in programma il 4 dicembre. Ecco le sue parole riportate da lalaziosiamonoi.it.

Un appello ai tifosi per il derby?
"Posso dire che le ultime due partite in casa col Sassuolo e col Genoa non ci siamo sentiti soli, abbiamo avvertito la presenza dei nostri tifosi che ci hanno incitato. Domenica è stata una giornata stupenda, forse la migliore da quando alleno all'Olimpico, c'era una grande atmosfera. Anche con il Sassuolo e il Napoli i tifosi ci hanno aiutato, anche col supporto alla stazione Termini. Oggi sembra che ci accoglieranno nuovamente. Dispiace non averli a Palermo, l'anno scorso si fecero sentire nonostante la squadra venisse dal derby perso. Anche oggi penso che ci faranno sentire il loro appoggio a Fiumicino".

Nei tuoi pensieri c'è già il derby?
"C'è già da Auronzo, so quello che vale per i tifosi. Questa settimana giovedì giocava la Roma ma io stavo guardando un Napoli-Palermo di 3 mesi fa. Sono concentrato solo sul Palermo, da domani alle 15 penseremo al derby. Però tutta questa settimana testa solo al Palermo perché affrontiamo una squadra ferita".

Temi che qualcuno pensi già al derby? C'è il rischio?
"Il rischio c'è, ma nello stesso tempo non ci deve essere. Pensando alla diffida di Felipe Anderson avrei dato un segnale alla squadra che non esiste. Domani il Palermo è un avversario scomodo e dobbiamo scendere in campo coi migliori. Forse potrei fare qualche cambio, ho stasera per pensarci, poi domani sceglierò con calma. Ho dei dubbi perché ho la fortuna di averceli, i ragazzi che non dovrebbero giocare dall'inizio me li stanno mettendo".