De Rossi: "Finisce la parentesi azzurra, doloroso togliere la maglia per l'ultima volta. Volevo farlo già dopo l'Europeo, tenevo all'azzurro come al giallorosso". VIDEO!

 di Gabriele Chiocchio Twitter:   articolo letto 47155 volte
Fonte: Rai Sport - Sky Sport
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
De Rossi: "Finisce la parentesi azzurra, doloroso togliere la maglia per l'ultima volta. Volevo farlo già dopo l'Europeo, tenevo all'azzurro come al giallorosso". VIDEO!

Daniele De Rossi ha parlato a Rai Sport: "È un momento nero per il nostro calcio, nerissimo per noi calciatori che abbiamo fatto parte di questo biennio. C'è poco da dire, ci sarà tanto tempo per analizzare tutto. La Federazione ha un compito importantissimo, l'unica cosa che posso dire è che si riparta dallo spirito che i compagni hanno messo in campo oggi, dalla voglia di continuare questa avventura. Si ripartirà come siamo ripartiti da altre delusioni cocenti. Questa è parecchio forte, al di là di tutto non c'è motivo di parlarne, non meritavamo di uscire in questi 180'. Complimenti a loro, ma meritavamo qualcosa in più. Ci sono tantissimi giovani che devono spiccare il volo e che stanno facendo benissimo nelle loro squadre, si deve a tutti i costi ripartire da loro. Cosa ci siamo detti? È stato un momento quasi assurdo da associare a una partita di calcio, un'atmosfera funebre e non è morto nessuno. Ci sono percorsi che segnano vite, tra Under 20 e Under 21 sono 16-17 anni che vagabondo per Coverciano e che indosso la maglia azzurra, pensare che è l'ultima volta che me la sono tolta è qualcosa di doloroso, questa è una mia parentesi che finisce. Non potrei essere più orgoglioso dei compagni, l'Italia dovrà lavorare sui vivai, il materiale c'è. La discussione in panchina? Abbiamo questa abitudine di fare riscaldamento tre per volta, cambiando ogni 5 minuti. Dicevo che dobbiamo fare gol, di mandare gli attaccanti a scaldarsi. Avevo Insigne vicino, ma il prof. è una persona squisita, mi sono scaldato, mi sarebbe piaciuto entrare. È un discorso tattico, non stava a me a decidere, se ho offeso qualcuno chiedo scusa. Voglio sempre giocare, io volevo passare. Lì per lì era meglio che entrasse Insigne o El Shaarawy"

DE ROSSI: "FINISCE LA MIA PARENTESI AZZURRA", RAISPORT.RAI.IT

Le sue parole a Sky Sport: “È finito questo biennio malamente, il risultato è brutto, fa male a chi come noi ci tiene tantissimo a questa maglia. È finito anche un altro percorso, quello dei vecchietti, speravo che finisse tra qualche mese, diversamente. Avevo già parlato con parecchi di loro, avrei voluto smettere dopo l’Europeo 2016, mi piace smettere lasciando un buon ricordo, questo non è un buon ricordo. Ho amato questa maglia e dico una cosa difficile, come l’altra che indosso. Abbandonare una delle due pelli che ho mi fa male, sapere che non vedrò più con questa costanza gente con cui ho condiviso tanto e anche con i nuovi, rende questo un giorno triste, non solo per il risultato. I percorsi finiscono, è giusto prenderne atto”