COVID-19 - Il bollettino di oggi: +18.938 nuovi contagi. Nardella: "Tamponi prima di entrare nei ristoranti". Federmoda: "Riaprire subito". Germania, lockdown per evitare terza ondata.

09.04.2021 22:26 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
 COVID-19 -  Il bollettino di oggi: +18.938 nuovi contagi. Nardella: "Tamponi prima di entrare nei ristoranti". Federmoda: "Riaprire subito". Germania, lockdown per evitare terza ondata.
Vocegiallorossa.it

L'emergenza Coronavirus continua a non dare tregua non solo in Italia, ma in tutto il pianeta. Come di consueto, Il Ministero della Salute ha condiviso il bollettino contenente gli aggiornamenti relativi alla diffusione del COVID-19 in Italia. Sono 18.938 i nuovi contagi di ieri su 362.973 tamponi processati. Le vittime sono 718, che portano il totale a 113.579. I ricoverati raggiungono quota 31.749, con una diminuzione di  765 unità, mentre gli ingressi in terapia intensiva calano a 3.603 (-60). Vocegiallorossa.it aggiornerà LIVE con tutte le principali notizie.

22:26 - La vaccinazione anti-Covid nell'hub della Fiera del Mediterraneo di Palermo da stasera prosegue fino a mezzanotte. Studenti di medicina e anziani che si erano prenotati si sono messi in coda per sottoporsi al vaccino. Saranno accettati i prenotati fino alle 22:30, orario di ingresso dell'ultima autovettura all'interno della Fiera.

21:30 - Bene l'apertura di Draghi sulla ripresa delle attività. Ho proposto una misura ragionevole e concreta, consentire la riapertura di ristoranti e locali e l'accesso agli alberghi a chi ha il certificato di tampone negativo nelle 48 ore precedenti". Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, ai microfoni del Tgr Rai. "Questo - ha aggiunto - si fa per andare in aeroporto a prendere un aereo, non capisco perché non si possa fare in un ristorante visto che è più facile controllare le persone nei locali pubblici che in casa".

20:08 - L'incidenza dei contagi di covid è in aumento in quasi tutte le regioni della Spagna: lo riporta il sito web specializzato in data journalism Datadista, sulla base dell'aggiornamento odierno del Ministero della Sanità. Secondo i dati ministeriali, l'incidenza nazionale è oggi di 182,09 casi positivi ogni 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni, un aumento di 7,57 punti rispetto a ieri. E una conferma di una crescita praticamente ininterrotta da diversi giorni. Solo nelle Asturie la tendenza dell'incidenza oggi non è aumentata.

19:40 - Pfizer ha appena presentato richiesta alla FDA per l'autorizzazione all'uso di emergenza del proprio vaccino contro il COVID-19 anche sui ragazzi con un'età compresa tra i 12 e 15 anni. Attualmente l'azienda ha l'ok per la somministrazione sulla popolazione con più di 16 anni.

19:10 - Toscana, i territori di Firenze e Prato potrebbero restare in zona rossa la prossima settimana nonostante il passaggio in arancione della Toscana. 

18:59 - Ci saranno dei ritardi in questa settimana su metà delle consegne di vaccini di AstraZeneca all'Unione europea. Lo comunica la casa farmaceutica.

18:00 - Ecco il bollettino odierno: 
Attualmente positivi: 536.361
Deceduti: 113.579 (+718, comprensivi di un ricalcolo da parte della Sicilia)
Dimessi/Guariti: 3.086.586 (+26.175)
Ricoverati: 31.749 (-765)
di cui in Terapia Intensiva: 3.603 (-60)
Tamponi: 52.480.874 (+362.973)

Totale casi: 3.736.526 (+18.938, +0,51%)

17:38 - Tajani: "Tutte le Regioni chiedono un'azione forte a sostegno delle imprese e l'obiettivo è di non perdere l'estate e nelle regioni bagnate dal mare, che sono la maggioranza, di non perdere la stagione balneare. Quindi cercare di ripartire a pieno all'inizio dell'estate per sfruttare a pieno il turismo che è il nostro vero pozzo di petrolio"

17:30 -  Lazio, su oltre 18 mila tamponi nel Lazio (+1.434) e oltre 19 mila antigenici per un totale di oltre 37 mila test, si registrano 1.363 casi positivi (+123), 47 i decessi (+10) e +1.555 i guariti. L'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato commenta "Aumentano i casi e i decessi, mentre diminuiscono i ricoveri e le terapie intensive - aggiunge -. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 7%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 3%. I casi a Roma città sono a quota 600".

16:04 - Considerata la repentina evoluzione dei contagi e la diffusione delle varianti del Covid, in tutta la provincia, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha appena firmato un'ordinanza che dispone la zona rossa in tutti i Comuni della Città metropolitana di Palermo a partire da domenica 11 e fino a giovedì 22 aprile. Stesse restrizioni, come richiesto dai Comuni e a seguito delle relazioni delle Asp, a Marsala, in provincia di Trapani, e a San Cataldo, nel Nisseno, con la stessa durata.

15:37 - Se gli altri non lo vogliono lo prendiamo noi, è più pericoloso attraversare sulle strisce pedonali" -  ha detto Zaia parlando del vaccino AstraZeneca e delle disdette degli appuntamenti vaccinali denunciate da alcune regioni - . 

14:30 - "Basta chiusure dei nostri negozi di abbigliamento, calzature, pelletterie e accessori. L'urgenza è davvero quella di riaprire e di farlo subito, magari anche su appuntamento, perché va salvaguardato anche il diritto al lavoro oltre a quello alla salute" . Lo afferma in una nota il presidente di Federazione Moda Italia - Confcommercio, Renato Borghi.

13:10 -  Veneto988 positivi registrati nelle ultime 24 ore, con una incidenza del 2,74%. Lo riferisce il Presidente della regione Luca Zaia. Gli infetti totali dall'inizio dell'emergenza salgono a quota 393.282. I morti in un giorno sono 38, portando il totale a 10.899.

12:30 - C'è anche il Piemonte tra le regioni che dalla prossima settimana tornano in arancione sulla base dei dati del nuovo monitoraggio Iss-Ministero della Salute.

12:00 - Draghi: "Voglio vedere le prossime settimane di riaperture, non di chiusure". Iniziano i primi lavori del governo verso la riapertura nazionale.

11:15 - Sulla base dei dati del nuovo monitoraggio Iss-Ministero della Salute, Campania, Valle D'Aosta e Puglia dovrebbero restare regioni rosse, la Sardegna da arancione dovrebbe invece passare in zona rossa.

11:00 - "Sui vaccini stiamo subendo le conseguenze del più grande fallimento dell'Unione Europea dalla sua nascita. Anche noi abbiamo sostenuto il piano di acquisti comune della Commissione europea, ma la situazione è drammaticamente sotto gli occhi di tutti: ritardi nelle autorizzazioni, contratti scritti male e che non si riesce a far rispettare, commissari che si rimpallano le responsabilità uno sull'altro". Così la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. 

10:30 - "Per attenuare la terza ondata della pandemia abbiamo bisogno di un lockdown". È quello che ha ribadito oggi in conferenza stampa a Berlino il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, invitando i partiti politici ad abbassare i toni dello scontro politico in Germania, dovuto anche alla campagna elettorale, e "a concentrarsi sull'essenziale e cioè sulla lotta alla pandemia". Sull'opportunità di un lockdown unitario e breve si è pronunciata anche la cancelliera nei giorni scorsi. 

10:00 - "Nessun vaccino è sicuro al 100%", ma è "sicuro al 100% che senza il vaccino continueranno a morire centinaia di persone al giorno". Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani, intervistato dal Corriere della Sera, spiega che la posizione del governo su Astrazeneca "è stata ispirata al principio della massima precauzione". "Nei soggetti anziani la valutazione tra benefici e rischi è assolutamente maggiore considerando il rischio di sviluppare una malattia grave, la necessità di terapia intensiva e il rischio di morte. Un over 60 no vax rischia 640 volte di più".

9:30 - Dopo il consueto monitoraggio settimanale, il ministro Speranza firmerà le nuove ordinanze che entreranno in vigore da lunedì 12 aprile. L’Italia dovrebbe essere tutta arancione, con poche regioni in zona rossa: solo Campania, Valle d’Aosta e Puglia dovrebbero rimanere nella fascia di rischio più alta. 

9:00 - Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa, sulle riaperture spiega: "Voglio vedere nelle prossime settimane di riaprire in sicurezza". Ma sottolinea di non avere ancora una data precisa. Mentre sulle vaccinazioni garantisce: "Rispetteremo l'obiettivo dei 500mila vaccini al giorno".

8:30 - Sono 1.240 i casi nel Lazio. Aumentano i casi mentre diminuiscono i decessi e i ricoveri e sono stabili le terapie intensive.