Pradè: "La questione societaria? Garantisco che viviamo senza sapere nulla"

06.01.2011 17:51 di Giulia Spiniello   vedi letture
Pradè: "La questione societaria? Garantisco che viviamo senza sapere nulla"
Vocegiallorossa.it
© foto di Image Photo Agency

Pradè a Mediaset:

"Faccio i complimenti a Pulvirenti perchè il Catania ha giocato una buona partita, ma la Roma è più forte. Il fuorigioco era millimetrico, cosa diversa l'episodio di Riise, ma credo che in altre partite sia capitato anche al Catania. Io dal campo su Vucinic pensavo ci fosse rigore per la maglia tirata. Io voglio mettere in risalto quello che sta facendo la Roma sul campo e sono convinto che possiamo fare ancora meglio. Allegri teme solo l'Inter? Mi sembra che a San siro abbiamo vinto noi e lo aspettiamo all'Olimpico".

Pradè a Roma Channel

"Vittoria pesantissima, il Catania aveva letto bene la partita. È positivo avere tanti calciatori a disposizione per l'allenatore, ma sfoltiremo la rosa, senza fare acquisti. Okaka? Sono contento per lui, ha bisogno della continuità di gioco per ritornare alla Roma e lottare per una maglia da titolare".

Pradè a Sky

Le parole di Pulvirenti?

Non ho letto polemica contro la Roma, anzi gli faccio complimenti per la sua squadra. Maxi Lopez è un ottimo elemento.
Vucinic è andato via arrabbiato?
E' un gran giocatore, capita che se i campioni non giocano e si arrabbiano è giusto, è entrato e ha segnato. Abbiamo ottimi giocatori.
Il mercato?
Non accadrà nulla. Sono contento per Okaka, è uscito Baptista.
Invidioso per Conti che sente Pizarro?
Spero che Pizarro torni nel meglio, serve al gruppo. Siamo convinti di avere una squadra di grandissima qualità.

Dal 25 luglio si lavora sulla questione societaria, ma è una cosa esterna per noi. Dobbiamo solo lavorare e non importarci di americani ecc. Poi certe situazioni ti danno forza.
Garantisco che viviamo senza sapere nulla. Economicamente siamo solidi. Gli stipendi sono pagati e qualsiasi tipo di cosa che richiediamo ci viene data. Sono sei anni che ci autofinanziamo, che andiamo avanti con le nostre idee, il nostro lavoro e la nostra passione e questa situazione ci gioca a favore. Può darsi che se cambia tutto non saremo nemmeno capaci di fare mercati stratosferici. Non siamo nemmeno capaci a comprare uno come Messi (ride, ndR).