Alberto De Rossi: "Vittoria meritata ma complimenti alla Juve Stabia". AUDIO!

14.01.2012 17:47 di Luca Bartolucci   vedi letture
Alberto De Rossi: "Vittoria meritata ma complimenti alla Juve Stabia". AUDIO!
Vocegiallorossa.it
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com

Le dichiarazioni di Alberto De Rossi dopo la vittoria contro la Juve Stabia per 1 a 0.

Successo allo scadere con la Juve Stabia, che si conferma avversario ostico per la Roma.
"Diciamo che la partita d'andata era stata diversa, perché anche giocando a sprazzi abbiamo creato tantissimo. Oggi abbiamo creato meno, eravamo più farraginosi nel giro palla, la loro disposizione non ci ha agevolati, erano molto attenti, molto chiusi, molto coperti e ripartivano in contropiede. E' una squadra ben messa in campo, se non riesci a sbloccare il risultato col passare dei minuti diventa più difficile. Non eravamo ancora brillantissimi, dovevamo essere bravi e fortunati a sbloccarla, forse sarebbe stata una partita diversa. Però va dato atto alla Juve Stabia che ci ha creduto fino alla fine, la loro concentrazione e compattezza ci ha portato fino all'ultimo secondo prima di vincere, risultato comunque meritato".

Il goal di Nego è il premio al secondo tempo della Roma che fin dai primi secondi ha costretto la Juve Stabia sulla difensiva, giocando su una sola metà.
"Il primo tempo è stato uno dei peggiori, però bisogna valutare anche l'avversario. Ci sono in campo anche gli avversari, a volte ce lo scordiamo. E' stata un po' come la partita contro il Crotone, parecchio vento e con la squadra arroccata, invece le altre partite che abbiamo subito sbloccato sono state gare diverse. Ma questo fa parte non solo del campionato Primavera, ma del calcio in generale. Il passare dei minuti mi innervosisce, mentre a loro dà più voglia e forza. Comunque mi è piaciuto molto il secondo tempo e mi è piaciuta la disposizione difensiva, con tutto quel campo dietro le spalle non abbiamo lasciato niente ai nostri avversari, con tutta la disposizione in avanti, hanno fatto molto bene i difensori ad anticipare e anche a scattare verso i nostri avversari".

Nel finale ha messo centrocampisti offensivi e attaccanti, le ha provate tutte.
"E' chiaro che li abbiamo a disposizione. Peccato, se avesse fatto gol Terriaca sarei stato contento, avrebbe bagnato l'esordio con un gol. Beh diciamo che tutti questi ragazzi stanno crescendo, abbiamo lavorato a 360 gradi. Il nostro è un lavoro diverso da quello degli adulti, è chiaro ci fa piacere vincere, siamo saltati dalla panchina tutti quanti e ci piace stare dove stiamo, però non dimentichiamoci che siamo molto concentrati sulla crescita dei ragazzi, soprattutto dei più giovani, i vari Federico Ricci, Pagliarini, Terriaca e tutti gli altri".

La difficoltà di manovra a cosa si deve? Alla sosta, a qualche assenza importante?
"Il merito va agli avversari che erano molto chiusi, compatti. Un po' noi, soprattutto nel primo tempo, eravamo un po' farraginosi, lenti, cercavamo palle lunghe che non sappiamo addomesticare. Non siamo entrati nella partita come l'avevamo preparata, non siamo riusciti ad avere molta pazienza cercando di girare sempre palla, di muoverla e di muovere la linea difensiva. Questo nel primo tempo non l'abbiamo fatto, abbiamo portato palla, ci siamo intestarditi, giocavamo con le spalle girate alla porta avversaria e questo ha favorito la loro difesa".

Adesso altra gara importante e affascinante, c'è il Milan Primavera.
"Sì. Questa sarà tutta un'altra partita, dovremo crescere. Abbiamo di fronte una delle squadre più forti. Sarà una partita aperta ma ce la giocheremo fino in fondo. Sia questa che quella dopo".

Leonardi?
"Leonardi ha avuto un problema muscolare".