Italia, Buffon: "Dispiace lasciare la Nazionale con un dispiacere simile"

 di Simone Ducci Twitter:   articolo letto 5032 volte
Fonte: Rai Sport
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Italia, Buffon: "Dispiace lasciare la Nazionale con un dispiacere simile"

Gianluigi Buffon, portiere dell'Italia, ha parlato ai microfoni di Rai Sport: "Dispiace non per me ma per il movimento calcistico, perché abbiamo fallito qualcosa. Anche a livello sociale poteva essere importante questo Mondiale. Questo è l'unico rammarico che ho, non certo quello di finire. Il tempo passa ed è tiranno. Dispiace che l'ultima partita ufficiale sia coincisa con una mancata qualificazione mondiale".

Forse avete sottovalutato l'impegno?
"No, chi gioca queste partite sa cosa vuol dire quanto sia dura recuperare un gol. Probabilmente non siamo riusciti ad esprimere il meglio di quello che avremmo potuto fare"

Cosa è mancato? 
"L'energia e la lucidità per fare gol. Loro hanno fatto la stessa gara dell'andata. È stato uno spareggio che s'è deciso per degli episodi che a loro sono andati bene e a noi male".

C'è ancora un futuro per il calcio italiano? 
"Sicuramente sì. Abbiamo orgoglio, forza, siamo testardi, caparbi. Dopo delle brutte cadute troviamo il modo di rialzarci. Lascio una Nazionale di ragazzi in gamba che faranno parlare di loro compresi Donnarumma e Perin che non mi faranno rimpiangere. Voglio abbracciare tutti, chi mi ha sostenuto sempre, a Chiellini, Barzagli, Bonucci e tutti gli altri. Spero che a livello d'esempio qualcosa possano portarsi dietro".

Ventura capro espiatorio? 
"Lo sport insegna a perdere e vincere in gruppo, condividendo gioie e dividendosi meriti. Il mister ha le colpe di tutti quelli che hanno fatto parte di questa spedizione".