Carolina Morace: "Luis Enrique allenatore intelligente, Totti straordinario"

10.10.2011 18:38 di Luca Bartolucci   vedi letture
Fonte: Radio IES
Carolina Morace: "Luis Enrique allenatore intelligente, Totti straordinario"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Carolina Morace, ex allenatrice ed oggi opinionista televisiva, è intervenuta ai microfoni di "A Tutto Campo" su RadioIES. Queste le sue parole:

Sulla Roma - "Sono un'estimatrice dei tecnici italiani,e ne abbiamo molti giovani e promettenti. E' stata data questa opportunità ad uno che non aveva esperienza, ma sta facendo bene per ora. Ha avuto il tempo di saggiare il campionato italiano, di rivedere alcune sue posizioni, dimostrando di essere una persona intelligente e per niente integralista. All'inizio aveva sparato un po' troppo in alto, ora ha calibrato di nuovo la mira. Quando alleni i giovani puoi dire "gioca chi si impegna", quando si parla di grandi campioni non puoi fare questo discorso".

Su Totti -" Quando uno va avanti con gli anni, perde sia la forza esplosiva sia il cambio di passo. Ma Totti è un giocatore intelligente, ha le caratteristiche del trequartista nel cuore, e sta giocando bene dietro le punte. Gli ho visto fare giocate straordinarie degne del suo nome".

Osvaldo - "E' importante la continuità di gol che ha trovato, non ha avuto il problema dell'impatto con il campionato visto che lo conosceva già. Sono del parere che bisogna dare almeno 6 mesi ad un giocatore per essere valutato".

Sulla Lazio - "Reja è molto condizionato dall'aver perso già quattro derby e sa di avere la tifoseria contro, dovrà essere bravo a non far percepire ai suoi giocatori questa tensione. In ogni caso la Lazio ha fatto un buon calciomercato, sono stati presi giocatori importanti, ma non è stata ancora trovata la quadratura giusta. Se Klose dovesse mancare, sarebbe un grande danno per la Lazio. Il tedesco ha fatto subito bene, non ha avuto problemi di ambientamento, ha il gol nel sangue. Credo che comunque si stia facendo ancora molta pretattica riguardo agli eventuali assenti".

Sulle altre grandi del campionato - "La Juve ha una mentalità diversa rispetto al passato, molto più operaia e credo anche che alla fin fine Conte, spostando Chiellini sulla sinistra, abbia risolto i problemi difensivi, inoltre può contare sulla mancanza delle coppe e su una rosa di livello. E' ottimo il gioco senza palla, è un avversario difficile da affrontare. Sono rimasta negativamente colpita dal Milan: la cessione di Pirlo è stato sicuramente un errore grossolano. Per quanto riguarda l'Inter, si può dire che Gasperini ha avuto un destino completamente opposto a quello di Luis Enrique. Mentre lo spagnolo ha avuto la piena fiducia della società, Gasperini non è mai stato appoggiato".