Roma-Udinese 1-0 - Top & Flop

14.04.2019 20:59 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Roma-Udinese 1-0 - Top & Flop

TOP 

DON'T STOP ME NOW - Seconda vittoria consecutiva e sorpasso alla Lazio in classifica (qualora dovesse vincere il recupero, proprio contro l'Udinese, sarebbe comunque a -2). La Champions League ora è a -1. La Roma adesso è chiamata a fare risultato a Milano contro l'Inter di Spalletti per continuare a scalare posizioni in classifica. Un'eventuale vittoria, riaprirebbe anche il discorso per il terzo posto. 

"MAMMA MIA" - ...Dzeko score again (sulle note degli ABBA). È quello che ha detto a El Shaarawy il centravanti bosniaco, dopo il gol, durante i festeggiamenti per la marcatura. Un assist d'esterno destro a premiare lo scatto del numero 9 (finalmente un movimento da prima punta). La giocata più bella del match, soprattutto perché è valsa i 3 punti. 

NEW TEAM - Nuovo allenatore, nuovo modo di affrontare le partite, a volte sembra di vedere una squadra nuova. A notarsi bene è la fase difensiva: ordinata in campo nel vedere le tre linee dei reparti schierati in un 4-4-2, compatto ed efficace, piuttosto che bello. 

PRIMA VOLTA - Che la Roma non subisce gol in due gare consecutive in campionato. In stagione era capitato già due volte, ma la consecutio fu campionato/Champions League, Serie A/Coppa Italia.

 

FLOP 

IN FILA PER 6 COL RESTO DI 2 - Due come gli infortuni occorsi alla Roma anche contro l'Udinese. 44 il totale degli infortuni muscolari stagionali. Altra gara, altro stop da mettere in conto. Se per Jesus gli esami strumentali non hanno evidenziato nulla di grave, oltre al trauma cranico subito, per De Rossi bisogna attendere ulteriori accertamenti per capire l'entità dell'infortunio. 

MANOVRA - Prima non prenderle, poi attaccare. Questo il credo di Ranieri. La maggiore cura difensiva, un baricentro più basso, fa sì che la manovra ne risenta. Tanti i cross in area alla ricerca di una spizzata di testa, poche le azioni ragionate. Anche contro l'Udinese a decidere è una giocata del singolo, dopo un match sofferto.