Roma-Sassuolo 3-1 - Top & Flop

 di Luca d'Alessandro Twitter:   articolo letto 17982 volte
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Roma-Sassuolo 3-1 - Top & Flop

TOP

RISPOSTE - Al campionato, dopo un'eliminazione dall'Europa League che brucia ancora. La Juventus continua a vincere di misura, faticando, il Napoli continua a superare momentaneamente la Roma in classifica (giocando prima dei giallorossi). Serviva trovare delle risposte interne e mandare qualche messaggio alle rivali. 

RIMONTA - Il gol di Defrel è un doppio flashback alle gare di Lione: la squadra gioca, crea e va sotto. Il dramma era dietro l'angolo. Il pari di Paredes rimette in equilibrio match e squadra che questa volta completa la rimonta e fa suoi i 3 punti. 

HAI FATTO 30, FAI 31 - Inizialmente in panchina come contro il Palermo, Dzeko entra e segna il suo 31° gol stagionale (tanti come gli anni compiuti lo scorso 17 marzo). Impatto devastante col match. A giochi fatti, avrebbe potuto segnare almeno una doppietta. 

FULCRO - È sempre più Kevin Strootman a prendere per mano questa squadra sia dal punto di vista del carattere che della qualità delle giocate. Lancia la rimonta segnando l'1-1 contro il Lione giovedì, serve un delizioso assist per il 3-1 finale di Dzeko. 

THE DARK SIDE OF PAREDES - Dopo una serie di prestazioni incolori il Paredes che non ti aspetti. Inizia male, poi il gol gli dà quella grinta che spesso è mancata. Gioca tutto il primo tempo con un vistoso cerotto in testa, nel secondo è protagonista di un battibecco con Berardi. Il piede lo conosciamo tutti, la grinta, la rabbia tirata fuori oggi è la nota lieta. 

 

FLOP 

SZCZESNY HORROR STORY - Dopo la gaffe contro il Palermo, sventata dall'errore arbitrale, il portiere polacco sembra provare in tutti i modi a combinare un'altra frittata. Rischia l'autogol di testa su uno pseudo tiro del Sassuolo che era una spazzata difensiva. Non contento rischia di servire, da punizione per la Roma, l'attaccante neroverde, pronto a battere a rete. 

AVVIO THRILLER - In svantaggio contro la Lazio, il Napoli, il Lione in trasferta, il Palermo (per fortuna annullato), il Lione al ritorno e contro il Sassuolo. Nelle ultime 6 gare in 5 occasioni (ufficialmente) la Roma si è trovata costressa a rincorrere l'avversario. Troppe, per una squadra che aveva iniziato l'anno vantandosi, con merito, della propria solidità difensiva.