Roma-Parma 2-1 - Top & Flop

09.07.2020 22:45 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
© foto di www.imagephotoagency.it
Roma-Parma 2-1 - Top & Flop

TOP 

IL SAPORE DELLA VITTORIA - Uniti si vince, come il sottotitolo del celebre film sportivo Denzel Washington. Fonseca ha compattato una squadra sfaldata in campo e ridisegnandola tatticamente è riuscito a tirar fuori il meglio che il momento concede. Avevamo scritto di "spiragli nella crisi" dopo la gara contro il Napoli, con il Parma sono arrivati 3 punti importanti, non troppo per la classifica, ma un sapore della vittoria reso ancora più dolce dalle tre sconfitte consecutive che lo hanno preceduto. 

BOMBER PER CASO (?) - 1.189' con 8 gol in Serie A. Mkhitaryan continua a non deludere e a far pesare la propria qualità in fase offensiva. Media-gol da centravanti, spostato più centrale da Fonseca (già da prima lo scoppiare del Covid-19), riesce a essere ancor più incisivo anche in versione assist-man. È stato l'ultimo ad arrivare nello scorso calciomercato, il primo acquisto per la prossima stagione. 

LICENZA DI OFFENDERE - Con questo nuovo sistema di gioco (e un Parma che lo ha permesso) la Roma può riscoprire le doti balistiche di Jordan Veretout. Adattato dal ruolo di mezz'ala ricoperto a Firenze a mediano nel 4-2-3-1, con una difesa a 3 e Diawara al suo fianco riesce a sganciarsi per essere pericoloso anche in zona gol. Se con la Sampdoria un tocco di mano involontario di Perez gli aveva negato la gioia di un gran gol, questa volta la gioia per il gol che decide il match non gliela toglie nessuno. 

INDIPENDENCE D-AY - 9 luglio invece che il 4. La Roma vince 2-1 e si scrolla di dosso la Dzeko dipendenza che aveva caratterizzato questo nuovo inizio di stagione. Il bosniaco non è in una delle sue serate migliori, il centrocampo vince la partita. 

DNA(SSIST) - Pellegrini ancora deve riuscire a trovare la via del gol (palo) con continuità, ma l'assist ce l'ha nel DNA. In occasione della rete del pareggio, per le statistiche e per il Fantacalcio il +1 lo prenderà Bruno Peres, per gli esteti del calcio, il velo con cui libera Mkhitaryan è il vero assist. 

FLOP 

OPEN-DOWN - 5 partite dopo il lock down, 5 partite da Roma, squadra aperta. In tutte le gare è andata in svantaggio. Non sempre riesci a rimontare come hai fatto contro Sampdoria e Parma. Come si dice: "chi ben comincia è a metà dell'opera..."

VALUTAZIONI ARBITRALI RIVEDIBILI - L'avvento del VAR ha portato alla concessione di quasi un rigore a partita. On Field Review dopo minuti di discussioni tra l'arbitro di campo e l'arbitro davanti ai monitor e, come da acronimo Valutazioni Arbitrali Rivedibili. Nello specifico del match è Fabbri ad assumersi le proprie responsabilità sulle decisioni che hanno inciso lo sviluppo della gara. Il mani di Mancini sembrava essere più rigore del contatto Cristante-Cornelius. Una delle poche partite in cui "rigore è quando arbitro fischia", nonostante il VAR. 

VILLAR INSTINCT - Entrato in campo nei minuti finali ha due ghiotte occasioni per mettersi in mostra, realizzare il suo primo in maglia giallorossa, ma soprattutto chiudere il match. Alla cronaca si registrano due tiri effettuati con poca convinzione e 0 gol all'attivo.