Roma-Lazio 1-1 - Top & Flop

27.01.2020 21:15 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
© foto di www.imagephotoagency.it
Roma-Lazio 1-1 - Top & Flop

TOP

VOGLIA DI ROMA - 60.000 spettatori per un derby in cui la Lazio arrivava con 11 vittorie consecutive in campionato e tutti i favori del pronostico. Un qualcosa che il tifoso giallorosso temeva, anche per un sentirsi spaesato, come se abitasse in una città diversa da quella a tinte giallorosse. Per questo c'era voglia di Roma, voglia di una prestazione della Roma, da Roma. Non sono arrivati i 3 punti, vero, è arrivato tutto il resto. 

UN ALTRO ATTACCO - Torna Dzeko, torna una squadra pericolosa in attacco. Basta una palla scodellata da Cristante e un colpo di nuca per portare la Roma in vantaggio. Basta averlo come punta per dare maggiore consapevolezza ai compagni. Al di là della sua % tiri-gol segnati. 

IL TACCO, IL TUNNEL, IL NUMERO - Vi ricordate Spalletti che si lamentava di una squadra che usava il fioretto invece della spada? Beh quando queste cose diventano funzionali alla manovra sono devastanti. Se lo ricorderà Lulic che si sognerà Ünder per un po'. Un paio di buste importanti subite da mr. 71'. La cosa impressionante del turco è stato l'abbinare il numero a filtranti per i compagni a tagliare in due la difesa della Lazio. 

SPIN-ON - Altro che avventura con la Roma finita. Nelle serie TV di successo, spesso quando finiscono, vengono fuori gli spin-off. Bene, il destino del calciomercato ha fatto sì che Spinazzola sia stato rimandato a Trigoria e da quando è rientrato è un assoluto protagonista di questa squadra. Nel derby è lui l'uomo chiave del match con cui Fonseca annulla gli avversari. 

IMMOBILE - Nel senso di fermo. Più che fermo, annullato completamente da Smalling. Se sui duelli di testa non c'era storia, vedere perdere i duelli in velocità è un qualcosa che fa acquistare ulteriori punti al forte difensore centrale. 

FLOP 

LA COSTANTE - Quella di regalare i gol alle squadre avversarie. Dopo i regali ultimi alla Juventus, arriva la "pazzia" di Pau Lopez che rimette, senza senso, in gioco, una palla che sarebbe finita tranquillamente in calcio d'angolo. Il problema è che sono troppi i punti persi per errori evitabilissimi.