Roma-Inter 2-2 - Top & Flop

20.07.2020 22:15 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
© foto di www.imagephotoagency.it
Roma-Inter 2-2 - Top & Flop

TOP 

CONFRONTO - Dopo 3 vittorie consecutive, una Roma libera mentalmente affrontava l'Inter chiamata a vincere per mettere pressione alla Juventus in chiave scudetto. Un match vero, dove le motivazioni erano tutte dalla parte degli ospiti. Alla fine esce fuori un pareggio, nonostante per gran parte del match i i giallorossi abbiamo tenuto meglio il campo. Sfumano i tre punti, resta l'ulteriore passo in avanti fatto dalla squadra. In ottica Europa League, vista la forza dell'Inter (una delle candidate alla vittoria finale) si può dire che, in una sorta di confronto di forza per quella che potrebbe essere la competizione svolta-stagione, la Roma abbia dimostrato di poterci provare. 

ROGER - Senza Smalling il difensore che regge la difesa romanista è Ibanez. Fonseca gli affida questo onore/onere e lui, nomen-omen, risponde: "roger"alla direttiva. Impressionante come riesca ad abbinare una buona lettura dell'azione a contrasti efficaci e a non tirarsi indietro quando ci sia da impostare l'azione. 

LA LUCE DELL'EST - Gira e rigira la Roma si regge sul talento di quei due lì davanti. Bosniaco il primo, armeno l'altro. Dzeko a lottare in un bel duello con de Vrij (10 palloni recuperati da attaccante), Mkhiraryan a fare il fantasista dietro il cigno di Sarajevo. Il gol del momentaneo vantaggio giallorosso è un po' l'emblema di quanto siano fondamentali. 

IL PRIMO GOL IN A NON SI SCORDA MAI - Dopo 81 presenze nel massimo campionato arriva il primo gol in Serie A. Un gol segnato contro la squadra che lo aveva considerato "rotto" dopo le visite mediche svolte, in quello che doveva essere lo scambio Politano-Spinazzola, nel mercato di gennaio. 

FLOP 

TABÙ O LIVELLAMENTO? - Juventus (ritorno ancora da giocare), Atalanta, Inter e Lazio. La Roma in questa stagione non è riuscita a battere le squadre che andranno a disputare la prossima Champions League. Da stabilire se i risultati contro questi club siano frutto di episodi sfavorevoli o di un livellamento di una squadra non in grado di competere (al momento a -11 dalla Lazio quarta) nell'arco di un campionato intero contro le prime 4 in classifica. 

SPIN-OFF - La rivincita di Spinazzola, putroppo non si concretizza a pieno. Già, perché la bella favola descritta nei top ha uno (non a caso) Spin-off. Quell'intervento maldestro con cui va a commettere il calcio di rigore, trasformato da Lukaku per il definitivo 2-2. 

UN COLPO, UN GOL - Primo quarto d'ora del match di stampo romanista, con l'Inter costretta all'angolo. Poi basta un'azione sulla fascia destra che diventa un calcio d'angolo e... gol. Se fosse stato Call of Duty, videogioco al quale si divertono molti calciatori giallorosso, al momento della rete di de Vrij sarebbe apparsa la scritta: "Un colpo, un gol". Al primo tiro subito è partita l'ennesima rimonta da fare. La Roma c'è riuscita, a metà.