Roma-Inter 2-2 - Top & Flop

03.12.2018 16:40 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Roma-Inter 2-2 - Top & Flop

TOP 

SQUADRA - Riscaldamento sotto la SUD, la grinta espressa in campo, il torto subito, il gol beffa. Quando il timore è quello di rivedere un Roma-Real Madrid bis, la squadra si compatta e tira fuori quella voglia di recuperare una gara dov'era immeritatamente sotto. A fine partita, ritrova anche il suo Capitano, in veste dirigenziale, non a protestare, ma a reclamare un qualcosa che, da regolamento, era della Roma. 

SILURI - Il gol sbagliato da 5 metri in Champions, il siluro scagliato da 30 metri che lascia di sasso Handanovic. Un qualcosa di non nuovo per il Cengiz Ünder. Il bis lo scaglia Kolarov dagli 11 metri. 

"UNA NUOVA SPERANZA" - La prestazione più del risultato, il rientro di Perotti e Pastore, la crescita in mezzo al campo di Cristante, la personalità e la generosità di Florenzi, attaccante per 70', terzino destro per i restanti 20'. Il match contro il Cagliari è paradossalmente più difficile di quello di ieri. 6 giorni per prepararlo e dare una nuova speranza di poter trovare quella vittoria che serve alla squadra. 

TECNICA E COMBATTIVITÀ - Sarà stata la voglia di rivalsa, contro la squadra che lo ha svenduto nel pacchetto Nainggolan, sarà il fatto che Dzeko sarà out fino a metà dicembre e quindi sa che il posto da titolare per le prossime partite è il suo, ma Zaniolo e Schick non li avevamo mai visti così. Migliore in campo, senza aver segnato, il talento italiano (va affinata la conclusione). Una partita a tuttotondo per il ceco: sponde di testa per far salire la squadra (ed era marcato da Skriniar e de Vrij), pressing e giocate di un coiefficiente di difficoltà tecnica altissimo. Avesse segnato, invece di centrare il palo Florenzi, staremmo qui ad osannare il numero sulla fascia, seguito dall'assist di tacco di Schick. 

 

FLOP 

UN'ALTRA PARTITA - Lo storia si ripete. Per il secondo anno consecutivo, sempre nell'area di rigore lato Curva Sud, alla Roma viene negato un netto rigore. Da Perotti a Zaniolo il risultato non cambia. Fallo evidente e VAR non consultato. Sarebbe stata un'altra partita, anche in caso di rigore sbagliato dai giallorossi, sicuramente l'Inter non avrebbe trovato il contropiede che l'ha portata in vantaggio. Oltre il danno la beffa. Rocchi non aveva concesso neanche il secondo penalty, questa volta il VAR interviene, ma non cancella il peccato originale. 

PALLE ALTE - Keita-Icardi. La Roma subisce le due reti neroazzurra su due cross. Azioni diverse, calcio d'angolo e ripartenza, ma in tutte e due le volte Manolas e Jesus si fanno trovare impreparati. Olsen nega un altro colpo di testa-gol a Keita, Perisic ne manda uno di poco alto sulla traversa. 

UNO A GARA - Il bilancio rimane positivo: due al posto di uno. Si rivedono in campo Perotti e Pastore, si ferma per un problema alla caviglia Federico Fazio. Da vedere l'entità dell'infortunio. Continua il momento no sotto questo punto di vista. 

GAP CHAMPIONS - Nonostante il buon punto ottenuto contro l'Inter, aumenta a 5 punti il distacco Champions, adesso dal Milan, visto che la Lazio si è fermata a Verona, contro il Chievo.