Roma-Fiorentina 0-2 - Top & Flop

08.04.2018 20:20 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
© foto di Federico Gaetano
Roma-Fiorentina 0-2 - Top & Flop

TOP

MERITO? - La Roma crea tante occasioni da gol. La domanda sorge spontanea: è più il merito nel creare così tanto o più il demerito nel non concretizzare quanto creato? Stessa cosa per il fattore sfortuna, legato ai pali e traverse colpite fin qui in stagione. Un po' lo stesso discorso degli autogol procurati dal Barcellona in Champions League, fortunati i blaugrana o talmente forti da indurre l'errore all'avversario? 

 

FLOP

CHAMPIONS A RISCHIO PER... LA CHAMPIONS - 1-1 col Bologna, 4-1 a Barcellona, 0-2 in casa contro la Fiorentina, con un ampio turnover. Se contro i felsinei, la testa fosse al Camp Nou, ci può stare. Dopo il 4-1 dell'andata dei quarti di finale, la prossima Champions, fattore sine qua non, il bilancio giallorosso e il progetto tecnico possa continuare a mantenere standard qualitativi competitivi, la partita più importante era quella contro la squadra di Pioli, con vista sul derby della prossima giornata. Invece, si è scelto di preservare per tentare la remuntada. Fatto sta che la Roma ottiene 1 punto dei 6 a disposizione e si mangia tutto il vantaggio su Inter e Lazio che aveva accumulato. 

QUALITÀ - Forse il problema principale. Tolta la catena di sinistra Kolarov-Perotti alla squadra, l'unico a dar qualità alla manovra giallorossa è Edin Dzeko, professione bomber. L'unico a riuscire a finire nel tabellino dei marcatori. Senza un giocatore che salti l'uomo o qualche uno-due a scardinare la difesa arroccata della viola risulta difficile trovare tiri puliti per segnare; non è un caso che, nelle poche volte in cui si riesce a farlo, la Roma spreca malamente tornando al discorso iniziale della qualità della giocata che qui è sinonimo di cinismo. 

ALTERNATIVE - Se a inizio stagione il vanto della squadra era quello di aver perso forza negli undici titolari, ma essersi rinforzata nel complessivo, a stagione quasi conclusa, viste le prestazioni di Gonalons, Defrel, Schick, l'acquisto di gennaio di Jonathan Silva, reduce da un infortunio, fa vedere la netta differenza tra i titolari e le riserve. 

9-1-6 - Lo score casalingo della Roma. 9 vittorie, 1 pareggio, 6 sconfitte. Quello che una volta era il fortino giallorosso, uno dei campi più difficili in Serie A da cui uscire con qualche punto per le avversarie, una sorta di "lasciate ogni speranza voi ch'entrate", è diventato un campo normale. Per intenderci, la Sampdoria ha ottenuto al Ferraris 5 punti in più della Roma all'Olimpico.