Brescia-Roma 0-3 - Top & Flop

12.07.2020 23:01 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
© foto di www.imagephotoagency.it
Brescia-Roma 0-3 - Top & Flop

TOP

IL CAMMINO DI FONSECA - Dopo le tre sconfitte consecutive, in cui la sua Roma è stata una sorta di ibrido alla ricerca di ripartire dal lockdown, Fonseca ha tirato una riga, scelto una soluzione tattica definitiva e scelto i calciatori di cui fidarsi, i suoi uomini per concludere la stagione al meglio. Parma e Brescia sono state due vittorie contro due squadre inferiori, ma questa Serie A parte seconda insegna come i valori sulla carta poi siano spesso ribaltati e nessuna gara sia scontata. 

11+11=22 - 11 dicembre 2019 - 11 luglio 2020, 204 giorni dopo il gol segnato contro la Fiorentina, forse il momento più alto per gioco espresso dalla Roma in stagione, Nicolò Zaniolo (non è un caso) torna a festeggiare una rete. Inserimento e tiro potente che batte l'estremo difensore del Brescia. Presto per pretenderlo titolare contro l'Hellas Verona, ma questo ruolo, dettato dal nuovo assetto tattico giallorosso, può fargli sfruttare sia il suo strapotere fisico abbinato a un ottimo calcio. 

MUR-ANTE - Mancini, Ibanez, Fazio (goleador) a fare da diga davanti a Mirante. Dopo 5 gare consecutive in cui i giallorossi si sono ritrovati a rincorrere, arriva il clean-sheet (senza Smalling). Segno di come partita dopo partita anche l'amalgama difensiva, tra i giocatori del reparto, stia migliorando. 

BOMBER DI SCORTA - Preso per fare il vice-Dzeko, fa il vice-Dzeko. C'eravamo lasciati con la doppietta contro il Cagliari e un Kalinic ritrovato. La gara contro l'Udinese aveva fatto rivedere i fantasmi del Kalinic apatico della prima parte della stagione, contro le rondinelle e un primo tempo in cui impatta male di testa un paio di conclusioni, riesce a scrollarsi via di dosso le paure di un attaccante che sa di dover sempre dimostrare qualcosa le poche volte che viene mandato in campo. Sull'assist di Perez, infatti, non tenta la conclusione al volo, controlla il pallone (saltando di fatto il portiere) e poi appoggia a porta vuota. 


 

FLOP 

NONOSTANTE IL CLEAN SHEET - Partita abbastanza agevole contro un Brescia poco mordente in fase offensiva, tuttavia, nonostante il clean-sheet, Mirante è costretto a timbrare il cartellino con un paio di interventi degni di nota per evitare un gol del tutto evitabile. L'esempio su tutti è l'intervento maldestro di Fazio su cui il portiere della Roma compie un miracolo su Torregrossa. 

DZEKO COME IL FENOMENO - Quasi a scambiarsi i ruoli Kalinic e Dzeko. Segna il croato con il bosniaco relegato in panchina, inquadrato al momento del gol dello 0-2. Fonseca lo manda in campo e non vuole essere da meno del compagno (un po' di sana rivalità tra bomber ci vuole), ma è sfortunato sulla traversa. Poi si traveste da R9 e come in uno dei più celebri spot della Nike, quello per Francia '98 in cui la nazionale brasiliana di calcio, all'aeroporto, in attesa del volo si sbizzarrisce con numeri di alta classe, saltando con il pallone ostacoli mobili e fissi per poi arrivare sul più bello... e prendere il palo a porta vuota.