Quando Andreotti e il Vaticano bloccarono la cessione di Falcao all'Inter

15.08.2014 10:10 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Quando Andreotti e il Vaticano bloccarono la cessione di Falcao all'Inter
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Gazzetta dello Sport rivela un retroscena interessante sul mancato trasferimento di Falcao all'Inter. L'anno è il 1983 e la Roma ha appena vinto lo scudetto. I nerazzurri lo volevano a tutti i costi e dopo il sì del giocatore il presidente dei milanesi informa Dino Viola. A ripensarci oggi, è stata un’ingenuità perché permette al numero uno giallorosso di chiamare in causa poteri forti per trattenere il suo talento migliore. Scende in campo Giulio Andreotti in persona, tifoso romanista doc come il fedele braccio destro, Franco Evangelisti, cui affida il dossier Falcao. L’opera di persuasione parte dalla mamma Azise, religiosissima, alla quale fanno sapere che persino Papa Wojtyla spera che Falcao non lasci la Roma. Tutto questo, però, ancora non basta. A quel punto è lo stesso Andreotti a chiamare il presidente dell'Inter per convincerlo. Giornate intense, ma alla fine l’obiettivo viene raggiunto. "Sì, questa volta mi sono impicciato e ho risolto la faccenda" dirà solamente più avanti il politico italiano.